Sfoglia l&archivio per governo parola.

Regołamento del Governo

Lexe / Law

In baxe ałe normative aprovàe da l’Asenblea durante łe riunion:

 (2013) 17 febraro m.v., (2012) 30 xen m.v., (2009) 7 lujo, (1999) 31 lujo.

In baxe a le normative aprovàe dal Governo co i Decreti:

(2012) 5 luj, (2011) 20 luj, (2006) 4 oto (2002) 27 mar (2001) 28 jug, (2000) 4 jug,

Xe in vigore ła seguente łexe:

 

Regołamento del Governo

 

31 lujo 1999 – Costitusion Provixoria

L’autogoverno xe provixorio e funsiona co le regole consiliari ispiràe da ła tradision de ła Republica Veneta.

L’autogoverno provede a ła creasion de łe istitusion necesarie pa i fini de l’autogoverno del popoło veneto nei limiti de łe lexi e de i pati al so fondamento.

L’autogoverno crea łe regołe pa’l funsionamento transitorio de łe istitusion e łe rende publiche.

L’autogoverno crea łe regołe de inconpatibiłità de carica cuando necesario.

L’autogoverno se ispira e promove el decentramento de le istitusion inte i limiti del rispeto del popoło veneto e de i so principi.

Cuando l’asion de l’autogoverno no riese a conseguire i scopi coà scriti, xe riconosuo el dirito de autogoverno nel rispeto de i stesi principi.

El ciapo costituente nomina Franceschi Luciano e Segato Giuseppe Mistri de l'(Auto)Governo provixorio de el Popolo Veneto.

Provixoriamente łe nomine vegnarà rivedùe almanco ogni 12 mexi fin a l’asenblea costituente.

L’Asenblea de i menbri vota el Cao del (Auto)Governo fra i so menbri a majoransa dei sie decimi (6/10).

L’Asenblea dei menbri połe ełexare el Cao del (Auto)Governo fra i iscriti a ła lista dei veneti co majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri.

El Cao del (Auto)Governo nomina i Ministri del (Auto)Governo che vien confermài uno a uno da l’Asenblea co majoransa cuałificada de sie decimi (6/10) dei menbri.

L’Asenblea dei menbri poe far decadere el (Auto)Governo co la majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri prima de ła so scadensa.

L’Asenblea se riunise anca drio richiesta del Cao del (Auto)Governo.

Decreto 4 jugno 2000

I ministeri xe:

1) Finanse
2) Interni
3) Enti Locai
4) Difexa e Sicuresa
5) Justisia e Diriti Umani
6) Esteri
7) Bi£ancio e Texoro
8) Trasporti e Industria
9 Anbiente e risorse natura£i
10) Educasion e Università
11) Agricoltura,  Artijanato, Comercio e Turismo

I Caomistri vien nominà provixoriamente e deposti dal Cao e sotoposti al contro£o.

Xe stabiłio el conpenso dei Ministri in Euro 6000 al mexe. Al Caomistro xe dovui 12000 Euro/mexe.

Al Prexidente del Tribuna£ del Popo£o Veneto o al suplente ghe speta 6000 Euro al mexe.

I aministrativi xe nominà provixoriamente dai Mistri de conpetensa e ghe speta 3000 Euro al mexe.

Ogni adeto o inpiegà a l’aministrasion veneta ciapa 2000 Euro /mexe.

Ai agenti de poisia veneta o judisiaria ghe va na xonta de indenità pa’l riscio de 1000 Euro/mexe.

I conpensi xe in cifre lorde. £e paghe vien dae co ghe xe disponibi£ità de casa, che xe de conpetensa del ministero de£e finanse.

D. 28 jugno 2001

art.1) Tute łe aministrasion Comunałi, Provinciałi e Rejonałi sol teritorio dełe çità de Be£un, Bergamo, Bresia, Crema, Monfalcon, Padoa, Pordenon, Rovigo, Trevixo, Udine, Venesia, Verona e Vicensa e łe altre çità de nasionałità veneta pasà soto el controło, ła proprietà e l’aministrasion direta de’l Governo del Popoło Veneto.

art.2) Decade dałe funsion e dal dirito tuti i organi eleti co sistema eletorałe del Stato Italiano (leggi italiane).

art.3) i ex sindaci, i ex prexidenti de provincia, i ex prexidenti de rejon so’l teritorio veneto vien incaricà par coopatasion de l’aministrasion direta de i stesi enti de dove i xe decadui co i poteri de comisari ad acta straordinari del Governo del Popoło veneto.

art.4) i comisari ad acta, diti proveditori, i xe obligai al l’aministrasion escluxivamente secondo el sistema de lexi venete de l’autogoverno, fate salvi i diriti de autoorganixasione e de autogoverno previsti da£e lexi costituenti de l’autogoverno del Popoło Veneto.

art.5) i comisari-proveditori gà el conpito de inisiare imediatamente £a procedura de elesion inte ła so aministrasion, co data de svolgimento de £e elesion el dì 11/11/2001.

art.6) inte £a so aministrasion ordinaria o pa fati ecesionałi, i comisari-proveditori ga da dispore dei beni dei çitadini inte’l rispeto dełe lexi çiviłi e penałi de autogoverno del Popoło Veneto çitadini, a pena pena de łe sansion indentro previste.

art.7) El teritorio nasionałe veneto indicà vien costituìo e vegnarà ciamà inte i ati aministrativi co’l nome de “Area metropołitana de Venesia”, cofà ente locałe metropołitano e governativo autonomo anca secondo el dirito de suplensa ałe aministrasion italiane fora lexe soła costitusion dełe aree metropołitane, soto governo połitico de’l governo del Popoło veneto.

art.8) ogni ato dei comisari-proveditori ad acta continua doparar i sinbo£I tradisiona£i dei comuni province e rejon che i aministra. inte’l teritorio metropołitan £a proprietà de sti sinbo£I e l’uxo escluxivo xe riservà a aministrasion soto el direto contro£o de l’autogoverno veneto. Xe reato art.1 dea lista crimini l’uxo no autorixà de sti sinbo£i e de cue£o de£a Repubblica Italiana sensa l’autorixasion scrita del Governo del Popo£o veneto o contro l’ intarese nasiona£e veneto.

art.9) Tute £e forse de Po£isia, de sicuresa e armae sora el teritorio pasa soto £a diresion del governo del popo£o veneto

art.10) tute £e aministrasion italiane no indicae pasa soto £a diresion del Tribuna£ del Popo£o veneto, salvo che un decreto del Governo asegna na aministrasion a un Cao Mistro o a un comisario ad acta.

art.11) el Tribuna£ del Popo£o veneto xe dimandà de sentensiare sora £a lejitimità de sto decreto e notificare i organi de’l Stato Italiano de£e conseguense, ndando a verificar so £a so atuasion se de’l caxo ndando a sostituire da l’incarico i comisari fora lexe.

D. 27 marso 2002

Ogni aministrasion ga da rispondare a£ çitadin che prexenta un ricorso entro 15 jorni da£a data da ricesion del ricorso da parte de£a aministrasion.

In caxo de risposta mancà o de si£ensio da parte de£a aministrasion, el çitadin acuista el dirito che el chiede a meno che cuanto dimandà no’l sia vietà da na lexe o che vegna dichiarà i£egal co lexe sucesiva. £a lexe dispone so£o pa’l periodo sucesivo.

Trascorsi 30 jorni da£a spedision del ricorso, el çitadin che no ga ricevesto risposta po£ agire co’l prinçipio del silensio consensiente (asenso), co el pì grando vantajo a favor del çitadin.

El çitadin che dovese subire un dano par colpa de£a ineficiensa de£a aministrasion o pa’l ritardo inte’a risposta, po£ esibire el ricorso al Tribuna£ del Popo£o Veneto co richiesta de rixarcimento, e el ricorso po’l esare convertìo in tito£o de credito pagabi£e suito co’l va£or autorixà dal Tribuna£.Pa£a riscosion dal çitadin po£ esare fata richiesta de invio de un Funsionario del Tribuna£ a spexe del danejante o de un privato de so sielta drio richiesta e autorixasion del Tribuna£.

I tito£i de credito vien riva£utà co’l taso de intarese Eurostat, e po£, drio dimanda, esare fato va£ere verso i sucesori o i novi acuirenti che se sia sostituii. In caxo de inposibi£ità de recupero de’l credito pa estinsion de l’ ente, el tito£o deventa executivo in carga a£a persona che ga firmà o agìo par conto de l’ ente e in so£ido co’l responsabi£ de£a raprexentansa lega£ che ghe jera al tenpo del dano.

I tito£i de credito ga da esare publicà a cura del Tribuna£ inte’l sito internet www.repubblica.org/tribunale/veneto/crediti, ma i xe va£idi anca sensa publicasion.

D. 4 otobre 2006 – Dichiarasion de Sovranità del Stato delle Venetie.

Le Venetie xe un STATO SOVRAN E INDIPENDENTE Governà dal Governo del Popoło Veneto soto mandato del Popoło Veneto drio elesion e rispeto dei diriti umani.

D. 7 luj 2009

-El Consejo dei Ministri, pole, in via straordinaria e ecesionałe, aprovare on decreto co’l voto de la metà dei prexenti più uno (conprexo el Presidente = 50%+ 1 dei presenti), co vien decixo dai stesi prexenti, co la stesa majoransa.

D. 20 lujo 2011

1. Albo pretorio e notificazioni
a) Nel sito www.statoveneto.net viene istituito l’Albo pretorio delle Venetie e del Lombardo-Veneto dove vengono pubblicati gli atti notarili, le deliberazioni, le ordinanze, i manifesti, i proclami e gli atti per i quali è obbligatoria la pubblicità legale o che devono comunque essere portati a conoscenza del pubblico per una disposizione di legge o regolamento di ente di autogoverno o per necessità del cittadino
b) Le autorità territoriali e cittadini comunque organizzati possono esporre nell’Albo Pretorio tutti gli atti destinati a singoli cittadini e alle collettività costituite quando i destinatari risultino irreperibili al momento della notifica o quando non si possa comprovare la loro presa di conoscenza o se non si abbia altro modo di pubblicazione efficace.
c) Al di fuori dei casi previsti, il diritto di pubblicazione è garantito secondo il regolamento approvato dal titolare dell’ente territoriale di riferimento, in sua assenza dal facente funzioni o dal supplente o se dovuto per pronuncia del giudice.
d) Ciascun cittadino od ente ha il dovere di verificare giornalmente le notifiche nell’albo pretorio e la pubblicazione delle leggi nel sito ufficiale www.statoveneto.net ma può attivare un servizio di notifica giornaliero automatico per le variazioni e attribuirne la responsabilità per il ritardo entro i 7 giorni.

Decreto 5 lujo 2012 – RIFORMA COSTITUSIONALE

TITOLO 1 – RIFORMA DELLE ISTITUZIONI VENETE
Capo 1 – Corpo separato del Popolo Veneto
1. Il Governo del Popolo Veneto devolve la rappresentanza ed il governo del Lombardo-Veneto al Governo Federale del Lombardo-Veneto, ma la minaccia alle sovranità del popolo veneto può portare alla revoca.
2. Per quanto concerne le questioni federali del Lombardo-Veneto il Governo federale del Lombardo-Veneto è disgiunto del Governo del Popolo Veneto fatto salvo il diritto di supplenza sussidiaria e il diritto di revoca da parte del Governo del Popolo Veneto.
3. Nel territorio federale le norme in precedenza applicate restano in vigore per quanto compatibili sotto la responsabilità del governo federale.
4. Il Governo federale ed ogni istituzione del Lombardo-Veneto riconoscono che i diritti nazionali ed internazionale del popolo veneto come ad oggi determinati, compreso il diritto al pieno autogoverno nazionale e territoriale, sono inalienabili, costituiscono quindi un “corpo separato” e inalienabile dell’ordinamento; questa norma non può essere modificata se non mediante referendum di tutto il popolo veneto in tutti i suoi territori storici
5. Le Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto – Stato delle Venetie (Governo del Popolo Veneto, Tribunale del Popolo Veneto, Assemblea del Popolo Veneto o Assemblea dei Membri) esercitano le loro competenze esclusivamente nel territorio nazionale veneto.
6. L’Autogoverno del popolo veneto può autonomamente perseguire il diritto di essere riconosciuto come popolo o come minoranza nazionale anche al di fuori della legislazione federale, ma le azioni legali in tal senso dovranno essere notificate obbligatoriamente al Governo Federale.
TITOLO 2 – FONDAZIONE DELLE ISTITUZIONI FEDERALI
Capo 1 – Federazione del Lombardo-Veneto
1. Vengono riconosciute nel Lombardo-Veneto le minoranze nazionali Veneta, Lombarda e Mantovana, ciascuna con parità di diritti all’interno delle rappresentanze istituzionali.
2. Il Lombardo-Veneto è la federazione dei territori nazionali veneti, lombardi e mantovani
3. Lo Stato Lombardo-Veneto riconosce sé stesso come la continuità giuridica del Regno Lombardo-Veneto, a sua volta già erede della Repubblica Veneta.

Capo 2 – Autogoverno delle nazionalità
1. Veneti, Lombardi e Mantovani hanno il diritto all’Autogoverno nel rispetto dei diritti storici di ciascuna popolazione . Il Governo Federale ha il potere di supplenza in assenza dell’esercizio di tale diritto.
2. Lo Stato Lombardo-Veneto garantisce ad ogni minoranza nazionale riconosciuta il diritto ad un referendum per il proprio pieno autogoverno internazionale appena la piena sovranità dello Stato Lombardo-Veneto sarà raggiunta.
3. Ciascuna minoranza Veneta, Lombarda o Mantovana ha diritto ad autodeterminare una legge di rispettiva cittadinanza, un proprio governo nazionale, una propria assemblea elettiva nazionale ed un proprio tribunale di giustizia, i cui statuti verranno approvati dal Governo Federale.
4. L’Assemblea dei Lombardi e l’Assemblea dei Mantovani dovranno essere provvisoriamente elette dai cittadini della rispettiva minoranza e territorio con il sistema elettorale in zonta già in uso nell’Assemblea del Popolo Veneto fino al raggiungimento dei 50 membri attivi nella specifica assemblea, al traguardo del quale essa potrà dotarsi di un proprio nuovo statuto approvato dal Governo Federale.
5. Su richiesta di almeno 3 cittadini della rispettiva minoranza il Governo Federale in supplenza sussidiaria potrà determinare gli statuti provvisori delle istituzioni nazionali non ancora autodeterminate, concordandone con essi i contenuti.

Capo 3 – Anagrafi nazionali e cittadinanza lombardo-veneta
1. L’anagrafe del Popolo Veneto resta l’anagrafe identificativa dei soli cittadini di nazionalità veneta.
2. Vengono istituite l’ Anagrafe del Popolo Lombardo e l’Anagrafe del Popolo Mantovano che temporaneamente applicano per le rispettiva nazionalità criteri di nazionalità analoghi a quelli applicati dall’Anagrafe del Popolo Veneto.
3. Ciascuna assemblea nazionale ha diritto di determinare i propri criteri di nazionalità e cittadinanza fatta salva l’approvazione delle altre assemblee nazionali e del Senato.
4. Non è ammessa la revisione dei criteri di nazionalità quando questo fa aumentare i cittadini di quella nazione di un numero superiore al 10% ogni 5 anni e comunque la variazione dei criteri di nazionalità non entra in vigore se non è trascorso almeno 1 anno dalla loro emanazione.
5. Una comunicazione continua verrà attuata fra le anagrafi nazionali riguardo ai cittadini delle singole nazionalità appena le condizioni renderanno sicura la condivisione dei dati
6. Sono cittadini del Lombardo-Veneto i cittadini iscritti ad una anagrafe nazionale veneta o lombarda o mantovana.
7. La cittadinanza del Lombardo-Veneto si aggiunge e non sostituisce la cittadinanza di ciascuna nazionalità.
8. Il Governo Federale ha diritto di ottenere dalle anagrafi nazionali sommari dati statistici sulla numerosità degli iscritti.

Capo 4 – Ambito territoriale
1. Il Lombardo-Veneto è suddiviso nei territori denominati Venetie, Lombardo e Mantovano
2. Il territorio delle Venetie comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti alla nazione veneta, e in particolare, ma non esclusivamente, comprende il territorio delle attuali province di Bergamo, Brescia, Crema e Lodi, Verona, Vicenza, Padova, Treviso, Belluno, Venezia, Rovigo, Pordenone, Udine. Le province delle Venetie sono autonome, il capoluogo è Venezia.
3. Il territorio del Lombardo comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti alla nazione lombarda, e in particolare, ma non esclusivamente, comprende il territorio delle attuali province di Como, Lecco, Pavia, Sondrio, Varese, Monza-Brianza e Milano. Le province lombarde sono autonome, il capoluogo è Milano.
4. Il territorio del Mantovano comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti al Ducato di Mantova, e in particolare il territorio dell’attuale provincia di Mantova che ne è il capoluogo.
5. Ciascuna provincia ha un proprio consiglio provinciale composto da un minimo di 3 membri eletti e di massimo di 1 membro eletto ogni 70.000 abitanti elettori. Il Consiglio elegge un proprio presidente. Gli statuti provinciali sono convalidati dalla rispettiva Assemblea nazionale.

Capo 5 – Lingue e minoranze linguistiche
1. La lingua ufficiale del Lombardo-Veneto è l’italiano.
2. Nei territori dove sono storicamente parlate sono riconosciute come lingue proprie ed ufficiali il veneto, il lombardo, l’emiliano-mantovano, il friulano, il ladino, lo sloveno, il walser, il tedesco e il cimbro.
3. Fatto salvo il diritto delle minoranze linguistiche riconosciute, la “Carta europea sulle lingue locali e regionali” del Consiglio d’Europa è parificata alle norme di rango costituzionale e viene attuata dalle Assemblee nazionali.
4. Ciascuna Assemblea nazionale determina le modalità con le quali 50.000 cittadini di un territorio uniforme locutori uno stesso idioma storico ottengono il riconoscimento di minoranza linguistica.
5. Ciascuna provincia produce una mappa delle lingue parlate storicamente nel proprio territorio, redatta con criteri scientifici e dati dialettometrici rilevati sul campo. Per quanto concerne le lingue riconosciute l’azione amministrativa provinciale si adatta alla mappa linguistica nella comunicazione ai propri cittadini. Le province collaborano affinché i cittadini di una stessa lingua vengano amministrati da una stessa autorità.
6. Nel territorio dove è parlata una lingua riconosciuta il cittadino ha diritto a ricevere ed inviare ogni corrispondenza istituzionale in tale lingua. La indisponibilità di cassa può eccezionalmente e provvisoriamente menomare tale diritto salvo accordi con le rappresentanze delle minoranze che ne coprano i costi.

Capo 6 – organizzazione federale
1. Il Lombardo-Veneto ha un Governo Federale, un Senato Federale e un Tribunale Federale, ciascuno con un proprio statuto determinati provvisoriamente con atto del Governo Federale e approvato alla prima riunione delle rispettive entità.
2. Le variazioni di competenze delle Istituzioni federali del Lombardo-Veneto vengono determinate di comune accordo con le minoranze Veneta, Lombarda e Mantovana, nel rispetto del principio di sussidiarietà bidirezionale e secondo leale cooperazione per cui ogni materia che possa essere gestita da una minoranza le spetta di diritto.
3. Qualunque ente istituzionale federale ha uno statuto o una costituzione nel quale si sancisce il rispetto dei diritti umani come riconosciuti dall’assemblea dell’ONU alla data del 1 luglio 2012.
4. Sulle materie federali spetta al Tribunale Federale la risoluzione dei conflitti di poteri fra istituzioni federali e i conflitti fra legge federale e nazionale sottoposte da un giudice nazionale.
5. Qualora un conflitto di competenza federale o attribuzioni di materie non possa essere risolto per composizione fra le Istituzioni federali o con il giudizio del Tribunale, il Tribunale del Popolo Veneto agirà come giudice di Ultima Istanza.
6. Le Istituzioni Federali hanno sito internet www.lombardo-veneto.net che agisce come organo di pubblicazione ufficiale delle norme, dei regolamenti, delle direttive e di ogni atto ministeriale. Il presente decreto verrà ivi pubblicato integralmente come atto fondativo.
7. Le Istituzioni federali apporranno sulla propria documentazione i 3 simboli nazionali determinati da ciascuna assemblea. Provvisoriamente le Istituzioni federali useranno congiuntamente il Leone in Moeca Veneto, il Biscione Lombardo e l’Aquila Mantovana.

Capo 7 – Governo Federale
1. Il Governo Federale rappresenta legalmente il Lombardo-Veneto nei rapporti internazionali.
2. Il Governo Federale è composto dal presidente, dai ministri, e dai delegati del senato al governo.
3. Il presidente del governo è nominato dal voto di almeno 2/3 dei senatori in carica. Il mandato del Presidente del Governo non è soggetto a scadenza. Almeno un decimo dei senatori in carica può richiedere una nuova votazione o la sua sostituzione. Il regolamento del Senato stabilisce le modalità di presentazione della mozione di rinnovo del presidente.
4. Il presidente del Governo sceglie liberamente i ministri, ma il senato ha diritto di veto.
5. Il Governo Federale dispone di un apparato di sicurezza regolato dalla legge federale e costituito al 75% dai delegati dei Governi nazionali. L’apparato di sicurezza federale non interferisce sulle competenze dei singoli autogoverni
6. Il Governo Federale non può menomare il proprio territorio o quello del Popolo Veneto se non a seguito di un referendum svolto in tutto il territorio statuale nel quale tutti i cittadini del popolo interessato abbiano potuto votare liberamente e secondo norme emanate in pieno autogoverno internazionale. Questa norma non può essere modifica se non attraverso un referendum in pieno autogoverno di tutto il Lombardo-Veneto.

Capo 8 – Senato Federale
1. Il Senato federale del Lombardo-Veneto è composto da non più di 200 membri, e comprende i delegati delle Assemblee nazionali, i 3 presidenti dei Tribunali Nazionali, i ministri del Governo, il capo di ciascuna Alta Autorità, gli altissimi funzionari dello Stato, e, sulla base della legge votata dal Senato stesso, i cittadini fra i più capaci e i meritevoli in numero non inferiore al 15% dei senatori.
2. Le Assemblee Nazionali Veneta, Lombarda e Mantovana, ciascuna con proprio metodo, distaccano nel Senato federale un membro ogni 200.000 residenti arrotondati per eccesso.
3. Il mandato di Senatore federale dura un massimo di 2 anni, rinnovabile una sola volta continuativa.
4. Il Senato è presieduto dal capo del governo federale e vota a maggioranza assoluta dei presenti. Il Senato nomina fra i suoi membri 3 vicepresidenti.
5. Il Senato federale nomina 3 suoi membri a consiglieri del Governo federale che per un massimo di 6 mesi parteciperanno alle sedute del governo con pieno titolo di voto. Ogni 4 mesi il Senato sostituirà almeno un consigliere nel governo, potendo rinnovare la carica del consigliere per non più di 2 volte consecutive e comunque non più di 5 volte in 5 anni.
6. Il Senato può regolamentare l’azione degli apparati di sicurezza federali e controllarli a mezzo di speciali commissioni che relazionano annualmente al governo e alle assemblee nazionali. Gli organi di sicurezza federale non interferiscono sulle competenze dei singoli autogoverni.

Capo 9 – Garante dell’Ordinamento
1. I presidenti dei 3 Tribunali nazionali svolgono a turno per 6 mesi la funzione di Garante Supremo dell’ordinamento del Lombardo-Veneto. Il mandato del Garante viene prorogato di 3 mesi ogni qualvolta è eletto un nuovo presidente del Governo.
2. Il Garante dell’Ordinamento, o gli altri 2 presidenti di Tribunale nazionale se d’accordo fra loro, possono mettere in stato di accusa il presidente del Governo federale, i ministri, i membri di un governo nazionale, un membro del senato riguardo a violazioni della legge internazionale sulla sovranità dei popoli, o per atti che mettono in attentato la sovranità di una nazione o della federazione del Lombardo-Veneto per quanto incompatibile con le leggi, come per crimini contro l’umanità se riconosciuti internazionalmente. Sullo stato di accusa decide il Senato integrato dai 12 magistrati più anziani della federazione e con l’esclusione del voto degli accusati. Le sentenze del Senato sono immediatamente esecutive, i condannati possono appellarsi alla propria assemblea nazionale. La sentenza del Senato e d’appello debbono essere confermate da tutte le Assemblee nazionali.
3. Il Garante dell’Ordinamento può essere messo in stato di accusa dal Governo collegialmente, le accuse sono giudicate dal Senato integrato dai 12 magistrati federali più anziani anche in appello.

Capo 10 – Tribunale Federale
1. Il Tribunale federale decide sui conflitti di attribuzione e di potere fra Governo, Senato, Autorità, Governi nazionali e Assemblee nazionali per le sole materie federali.
2. Parimenti spetta al Tribunale Federale la risoluzione dei conflitti di poteri fra istituzioni federali e i conflitti fra legge federale e nazionale sottoposte da un giudice nazionale sulle materie federali.
3. Il collegio giudicante è costituito da un massimo di 15 giudici che decidono collegialmente.
4. Fanno parte di diritto del collegio i 3 presidenti dei Tribunali nazionali e 2 magistrati nominati dal Senato. I rimanenti alti magistrati sono delegati dalle singole Assemblee secondo criteri e numerosità determinati in maniera concordata fra i 3 governi nazionali .
5. Il collegio sceglie un presidente che resterà in carica per 6 mesi rinnovabile 1 sola volta consecutiva e che agisce da unico portavoce.

Capo 11 – Alte Autorità
1. Le Alte Autorità sono istituite dal Senato per specifiche materie tassativamente determinate senza interpretazione analogica e hanno un presidente nominato dal Senato.
2. Le Alte Autorità si conformano alle direttive del Governo Federale e tuttavia sulle materie loro conferite hanno potere di indirizzo e regolamentazione. Sui conflitti di attribuzione fra Autorità decide il Tribunale Federale.
3. Le nuove Alte Autorità non possono esercitare la loro funzione se non dopo l’approvazione del loro statuto da parte di ciascuna assemblea nazionale interessata dalla sua azione.
4. Ciascuna Assemblea nazionale può istituire liberamente con un’altra Assemblea una Autorità di cooperazione per determinati ambiti o tematiche territoriali senza l’interferenza del Governo Federale, ma la risoluzione dei conflitti di poteri è giudicata dal Tribunale Federale.
TITOLO 3 – DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
1. Il Governo del Lombardo-Veneto ha sede presso lo Stato delle Venetie in Rubano.
2. Gli attuali componenti del Governo del Popolo Veneto assumono gli stessi ruoli nel Governo Federale fino alla nomina di un nuovo presidente del Governo Federale da parte del Senato Federale.
3. L’Assemblea del Popolo Veneto provvederà a delegare i propri membri appena sarà costituita l’Assemblea nazionale Lombarda o l’Assemblea Nazionale Mantovana.
4. La presente legge viene notificata ai membri dell’Assemblea del Popolo Veneto avvertendoli che è loro facoltà proporre emendamenti entro il termine di 60 giorni.

30 xen 2012 m.v. (2013)

L’Asenblea delega il Cao del Governo a rejistrare el marchio “Governo del Popolo Veneto” e a agire par la tutela del steso, ma la titolarità del marchio nela lejislasion de autogoverno ghe speta al Presidente del Tribunale.

17 febraro 2013 m.v. (2014)

Vien aprovà el Rejistro Dijitae dele Istitusion al 31/12/2013 consultabiłe in linea da tuti i çitadini.

Al Cao del Governo ghe speta un conpenso de 15000 Dogadi al mexe.

Ai Ministri ghe speta un conpenso de 12000 Dogadi al mexe.

Ai dipendenti dei Ministeri, solo incargo de conceto, ghe speta un conpenso de 6000 Dogadi al mexe.

Ai altri dipendenti de l’Aministrasion Veneta ghe speta un conpenso de 4000 Dogadi al mexe.

Anca in caxo de acumulo de cariche el conpenso ga un teto masimo de 30000 Dogadi.

I menbri che xe stà espulsi o xe decadùi dai ruoli istitusionali e che ga disconosùo le Istitusion ga tenpo 60 dì par depoxitarghe al Tribunale del Popolo Veneto dichiarasion de riconosimento dele Istitusion prexenti e pasà, par podere in futuro otegnere i conpensi maturai nel svolgimento dei ruoli stesi. In mancansa dela dichiarasion i conpensi vien anulà e se procede a eventuale rixarcimento del dano.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Regołamento del Governo

Dichiarasion 29 agosto 2009 (decaduto il governo, radiati i componenti, sciolta la polizia armata)

Comunicasion / Communications

Dopo aver ascoltato il Presidente dell’Assemblea e il Presidente del Tribunale, l’Assemblea, visti:
-il Non rispetto continuato delle leggi e dello Statuto da parte del governo
-lo schieramento della Polizia veneta schierata in LIFE senza regolamento e mai legalizzata
-le dichiarazioni stampa di Quaglia sulla volontà di armare la polizia in assenza di una delibera legale
-le dimissioni in blocco dei ministri oggi rimessi
-l’Assemblea del 7 luglio in cui è stato mentito alla stessa da parte di Bortotto e Quaglia in merito alla volontà di armare la polizia
-l’uso adesivi CD e carte d’Identità non conformi a legge
-l’utilizzo della posta istituzionale per scopi privati al limite della legalità da parte di Zanatta e Quaglia
-il decreto 29 luglio in forma incomprensibile
-il decreto 18 agosto fuori da ogni prassi
-il continuato uso di una polizia non legittimata dalla legge, come l’esistenza di un suo presunto Kapo
-la malafede dimostrata ripetutamente
-il disprezzo delle leggi dell’assemblea e del suo Presidente legittimo

DICHIARA CHE

-A norma dello statuto il governo viene dichiarato decaduto, Quaglia non è più capo del Governo e nessun ministro resta in carica.

-tutti i ministri che hanno firmato il dekreto del 18 agosto vengono dichiarati interdetti a vita da ogni funzione pubblica, parlamentare e di governo.
-è ordinato ai ministri e a Quaglia di disdire la riunione del 30 agosto. In mancanza di ottemperanza viene ordinata la pubblicazione dei documenti di inchiesta relativi ai fatti privati che hanno intaccato l’immagine delle Istituzioni.
-l’assemblea si riserva di aumentare le pene a carico dei singoli componenti del governo secondo i fatti futuri.
-gli interdetti hanno facoltà di presentare ricorso con documenti di discolpa entro 30 giorni al presidente dell’assemblea. Parimenti possono consultare i documenti di accusa presso lo stesso.
-il dekreto del governo del 18 agosto non ha nessun requisito di legalità ed è nullo
-la convocazione dell’assemblea per il 30 agosto è in violazione dello Statuto e delle prerogative del Presidente dell’Assemblea, per cui ed è nulla
-chiunque partecipi alla riunione del 30 agosto verrà radiato a vita dall’assemblea
-viene sciolta la polizia irregolare; la continuazione del suo esercizio è reato
-la decadenza del presidente del Tribunale è nulla in quanto non permessa dallo statuto .

-Il ritiro delle dimissioni di Caltarossa è dichiarato ammissibile e viene confermato a presidente dell’assemblea

Viste le dimissioni presentate da il 7 luglio, Francesca Carrarini viene nominata presidente del Tribunale a partire dal 5 settembre, in sostituzione di Palmerini Loris. Il suo mandato è di organizzare le elezioni della magistratura e del Presidente del Tribunale.

La data di elezioni del presidente del tribunale e delle magistratura è fissata per il 25 ottobre 2009. Carrarini decade appena proclamati i risultati.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Dichiarasion 29 agosto 2009 (decaduto il governo, radiati i componenti, sciolta la polizia armata)

Verbale 7 lujo 2009

Verbałe / Report

oggetto : modifiche del sistema di voto interno al governo per l’approvazione di leggi

Sulla legge
1) il Consiglio dei Ministri, può, in via straordinaria ed eccezionale, approvare una legge con il voto della metà dei presenti più uno (compreso il Presidente = 50%+ 1 dei presenti), quando gli stessi lo decidano con la stessa maggioranza;
l’Assemblea espirme questi voti
presenti 10 – Favorevoli 7 – contrari 3
per tanto approva che l’attuale regola di voto consiliare (all’unanimità) venga integrata come detto

Sulla legge
2) per una maggiore tutela nei confronti del nemico chiedo che tali votazioni si svolgano a votazione segreta in deroga di quanto tuttora previsto
L’ assemblea vota come segue:
presenti 10
favorevoli 5
contrari 3
astenuti 2

Non essendo definita una regola assembleare sul conteggio degli astenuti come presenti o meno, il presidente dell’assemblea non pubblica questa regola (la 2) come esecutiva in attesa del regolamento assembleare e del chiarimento alla prossima riunione.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Verbale 7 lujo 2009
  - - -   Search Engine Submission - AddMe

Bad Behavior has blocked 5 access attempts in the last 7 days.

Translate »