Raccolta – Regołamento del’Asenblea

Lexe / Law

In baxe ałe normative aprovàe da l’Asenblea durante łe riunion dei xorni:

(2015) 3 apr (2014) 30 otobre, (2013) 17 febraro m.v., 4 novenbre, 8 otobre, 1 otobre, 19 setenbre, 2 setenbre, 29 agosto (2012) 30 xenaro m.v., (2011) 30 marso, (2010) 23 disenbre, 5 setenbre, (2009) 29 agosto , 27 jugno, 15 marso, (1999) 31 lujo.

In baxe ai Decreti aprovài dal Governo i xorni:

(2012) 5 luj, (2006) 4 oto, (2000) 27 luj,

Xe in vigore el seguente codexe de lexi:

Regołamento del’Asenblea

 

31 lug 1999 – Costitusion provixoria

L’autogoverno xe provixorio e funsiona co le regole consiliari ispiràe da ła tradision de ła Republica Veneta.

L’autogoverno provede a ła creasion de łe istitusion necesarie pa i fini de l’autogoverno del popoło veneto nei limiti de łe lexi e de i pati al so fondamento.

L’autogoverno crea łe regołe pa’l funsionamento transitorio de łe istitusion e łe rende publiche.

L’autogoverno crea łe regołe de inconpatibiłità de carica cuando necesario.

L’autogoverno se ispira e promove el decentramento de le istitusion inte i limiti del rispeto del popoło veneto e de i so principi.

Cuando l’asion de l’autogoverno no riese a conseguire i scopi coà scriti, xe riconosuo el dirito de autogoverno nel rispeto de i stesi principi.

El ciapo costituente nomina Franceschi Luciano e Segato Giuseppe Mistri de l'(Auto)Governo provixorio de el Popolo Veneto.

Provixoriamente łe nomine vegnarà rivedùe almanco ogni 12 mexi fin a l’asenblea costituente.

El popoło veneto ełexe i menbri pa na Asenblea che ga el potere de fare lexi co ła majoransa cualificada dei sie decimi (6/10).

L’Asenblea xe fata de un numaro de menbri in proporsion de ła popołasion co łe regołe che stabiłirà l’Autogoverno.

El Cao de ła Asenblea xe cueło che rixulta pì vota ne łe elesion de ła Asenblea.

L’Asenblea de i menbri vota el Cao del (Auto)Governo fra i so menbri a majoransa dei sie decimi (6/10).

L’Asenblea deimenbri połe ełexare el Cao del (Auto)Governo fra i iscriti a ła lista dei veneti co majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri.

El Cao del (Auto)Governo nomina i Ministri del (Auto)Governo che vien confermài uno a uno da l’Asenblea co majoransa cuałificada de sie decimi (6/10) dei menbri.

L’Asenblea dei menbri poe far decadere el (Auto)Governo co la majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri prima de ła so scadensa.

Le richieste par łe convocasion de Asenblea xe pexentàe al Cao de l’Asenblea che ciama i menbri entro i termini de łe richieste.

L’Asenblea se riunise almanco ogni do (2) mexi.

L’Asenblea se riunise anca drio richiesta del Cao del (Auto)Governo.

L’Asenblea se riunise anca drio richiesta de almanco un decimo (1/10) dei menbri.

L’Asenblea deta łe so regołe interne.

D. 27 lujo 2000 – Indision prima elesion de l’Asenblea

L’Asenblea ga un masimo de 1000 membri eleti .
El segio vien asegnà ai 1000 più votai.
Po£ candidarse i çitadini iscriti a£a lista dei çitadini (Anagrafe) de l’Autogoverno co pi de 18 ani.

Po£ votar i çitadini iscriti a£a lista dei çitadini (Anagrafe) de l’Autogoverno co pi de 18 ani.

£e richieste va prexentà par telefono, fax, email, de persona, par delega al Tribuna£e del Popo£o Veneto.

Decreto 4 otobre 2006 – Dichiarasion de Sovranità del Stato delle Venetie.

Le Venetie xe un Stato Sovran e Indipendente, governà dal Governo del Popoło Veneto soto mandato del Popoło Veneto drio elesion e rispeto dei diriti umani.

15 mar 2009

L’Assemblea è l’Istituzione Parlamentare del Popolo Veneto che insieme al Governo del Popolo Veneto e al Tribunale del Popolo Veneto costituiscono le Istituzioni di Autogoverno  (Self-Government) autodeterminate dai soli cittadini veneti.

Il parlamento costituisce, insieme alle altre istituzioni e nel rispettivo ruolo, l’Istituzione di rappresentanza democratica eletta direttamente del Popolo Veneto.

 

Le elezioni rimarrano aperte e continuative fino al raggiungimento di 1000 parlamentari, con integrazione dei nuovi eletti a scadenze ravvicinate.

27 jug 2009

Un membro che abbia 3 assenze non giustificate al presidente del Assemblea produce la decadenza del membro dal ruolo.

Vengono riaperte le elezioni di nuovi membri dell’Assemblea per via telematica; quando nuovi membri vengono eletti essi assumono immediatamente la carica. Tuttavia qualora il capo del Governo, che è il membro che ha ricevuto più voti in assoluto, non risultasse non può essere ugualmente avvicendato per almeno 24 mesi dal momento del Suo insediamento.

I soggetti privati, persone e aziende, possono finanziare l’Assemblea conferendo il denaro o le utilità al Presidente dell’assemblea, il quale, se le accetta, ne è responsabile e rilascia ricevuta con indicato il valore conferito. Chi fa la donazione può inserire la ricevuta della donazione stessa nella sua dichiarazione dei redditi come spesa.

29 ago 2009

-Nella votazione di una legge da parte dell’Assemblea sono richiesta i 6 decimi di “sì” .

I 6 decimi vanno calcolati sui presenti inclusi gli astenuti.

-Viene riconosciuto al presidente dell’Assemblea che, anche per consuetudine, può decidere di chiudere l’assemblea in ogni momento.

-Al presidente viene riconosciuto il potere di richiamo ad ogni membro e al terzo richiamo di espulsione per la sessione.

5 set 2010

– Il luogo delle riunioni dell’Assemblea nazionale del Popolo Veneto viene stabilito di volta in volta dal presidente della stessa sentiti i parlamentari, e comunicata in modo preventivo nella convocazione.

– Nessun membro può aver giurato fedeltà ad alcuna organizzazione, religione o stato estero.

23 dic 2010

1-un membro che abbia 3 assenze concecutive non giustificate al presidente dell’Assemblea producono la decadenza del membro dal ruolo.

2-i nuovi eletti dai cittadini a membri dell’Assemblea hanno diritto di voto dalla quarta presenza consecutiva.

3-Almeno un decimo dei membri o il presidente dell’Assemblea possono richiedere all’Assemblea la costituzione di una commissione di 3 saggi che giudicheranno l’idoneità e compatibilità di uno o più specifici membri. Il presidente dell’Assemblea indica alla stessa i nomi delle persone di cui chiede la valutazione. Non è obbligato a riferire dei motivi all’assemblea ma lo riferirà ai saggi. Il presidente dell’Assemblea non può essere 1 dei 3 saggi. I 3 saggi vengono votati a voto segreto da tutti i membri dell’Assemblea e vengono eletti i 3 che ricevono più voti. Qualora risultino votati meno di 3 membri, si fa votazione ulteriore a completamento.
La decisione dei 3 saggi deve essere equa e imparziale con le garanzie di un processo. La decisione viene resa pubblica entro la successiva assemblea, ma i 3 saggi possono richiedere almeno 15 giorni per la decisione.
La non idoneità giudicata dai saggi comporta l’interdizione immediata dai lavori dell’Assemblea.
I saggi restano in carica solo fino alla comunicazione della decisione. Il membro interdetto può presentare 1 solo appello al Tribunale del Popolo Veneto che decide con valore di legge.

30 mar 2011 (abrogà dala l. 30 xenaro 2012 m.v. )

2-La norma che stabiłise ła riunion obligatoria de l’Asemblea ogni primo sabo del mese (lex. 27/06/09 ) vien modifegà come segue: “ L’asenblea se riunise ogni primo sabo del mexe se no ła se ga xà riunìo nei 20 dì precedenti, e senpre che l’asenblea stesa no gabìa xa stibilio na diversa data sucesiva ”

30 xen 2012 m.v.

-Vien abolìo l’articolo 2 de la lexe del 30 marso 2011, che inpone la riunion obligatoria de l’Asenblea.

Decreto 5 lujo 2012 – RIFORMA COSTITUSIONALE

TITOLO 1 – RIFORMA DELLE ISTITUZIONI VENETE
Capo 1 – Corpo separato del Popolo Veneto
1. Il Governo del Popolo Veneto devolve la rappresentanza ed il governo del Lombardo-Veneto al Governo Federale del Lombardo-Veneto, ma la minaccia alle sovranità del popolo veneto può portare alla revoca.
2. Per quanto concerne le questioni federali del Lombardo-Veneto il Governo federale del Lombardo-Veneto è disgiunto del Governo del Popolo Veneto fatto salvo il diritto di supplenza sussidiaria e il diritto di revoca da parte del Governo del Popolo Veneto.
3. Nel territorio federale le norme in precedenza applicate restano in vigore per quanto compatibili sotto la responsabilità del governo federale.
4. Il Governo federale ed ogni istituzione del Lombardo-Veneto riconoscono che i diritti nazionali ed internazionale del popolo veneto come ad oggi determinati, compreso il diritto al pieno autogoverno nazionale e territoriale, sono inalienabili, costituiscono quindi un “corpo separato” e inalienabile dell’ordinamento; questa norma non può essere modificata se non mediante referendum di tutto il popolo veneto in tutti i suoi territori storici
5. Le Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto – Stato delle Venetie (Governo del Popolo Veneto, Tribunale del Popolo Veneto, Assemblea del Popolo Veneto o Assemblea dei Membri) esercitano le loro competenze esclusivamente nel territorio nazionale veneto.
6. L’Autogoverno del popolo veneto può autonomamente perseguire il diritto di essere riconosciuto come popolo o come minoranza nazionale anche al di fuori della legislazione federale, ma le azioni legali in tal senso dovranno essere notificate obbligatoriamente al Governo Federale.
TITOLO 2 – FONDAZIONE DELLE ISTITUZIONI FEDERALI
Capo 1 – Federazione del Lombardo-Veneto
1. Vengono riconosciute nel Lombardo-Veneto le minoranze nazionali Veneta, Lombarda e Mantovana, ciascuna con parità di diritti all’interno delle rappresentanze istituzionali.
2. Il Lombardo-Veneto è la federazione dei territori nazionali veneti, lombardi e mantovani
3. Lo Stato Lombardo-Veneto riconosce sé stesso come la continuità giuridica del Regno Lombardo-Veneto, a sua volta già erede della Repubblica Veneta.

Capo 2 – Autogoverno delle nazionalità
1. Veneti, Lombardi e Mantovani hanno il diritto all’Autogoverno nel rispetto dei diritti storici di ciascuna popolazione . Il Governo Federale ha il potere di supplenza in assenza dell’esercizio di tale diritto.
2. Lo Stato Lombardo-Veneto garantisce ad ogni minoranza nazionale riconosciuta il diritto ad un referendum per il proprio pieno autogoverno internazionale appena la piena sovranità dello Stato Lombardo-Veneto sarà raggiunta.
3. Ciascuna minoranza Veneta, Lombarda o Mantovana ha diritto ad autodeterminare una legge di rispettiva cittadinanza, un proprio governo nazionale, una propria assemblea elettiva nazionale ed un proprio tribunale di giustizia, i cui statuti verranno approvati dal Governo Federale.
4. L’Assemblea dei Lombardi e l’Assemblea dei Mantovani dovranno essere provvisoriamente elette dai cittadini della rispettiva minoranza e territorio con il sistema elettorale in zonta già in uso nell’Assemblea del Popolo Veneto fino al raggiungimento dei 50 membri attivi nella specifica assemblea, al traguardo del quale essa potrà dotarsi di un proprio nuovo statuto approvato dal Governo Federale.
5. Su richiesta di almeno 3 cittadini della rispettiva minoranza il Governo Federale in supplenza sussidiaria potrà determinare gli statuti provvisori delle istituzioni nazionali non ancora autodeterminate, concordandone con essi i contenuti.

Capo 3 – Anagrafi nazionali e cittadinanza lombardo-veneta
1. L’anagrafe del Popolo Veneto resta l’anagrafe identificativa dei soli cittadini di nazionalità veneta.
2. Vengono istituite l’ Anagrafe del Popolo Lombardo e l’Anagrafe del Popolo Mantovano che temporaneamente applicano per le rispettiva nazionalità criteri di nazionalità analoghi a quelli applicati dall’Anagrafe del Popolo Veneto.
3. Ciascuna assemblea nazionale ha diritto di determinare i propri criteri di nazionalità e cittadinanza fatta salva l’approvazione delle altre assemblee nazionali e del Senato.
4. Non è ammessa la revisione dei criteri di nazionalità quando questo fa aumentare i cittadini di quella nazione di un numero superiore al 10% ogni 5 anni e comunque la variazione dei criteri di nazionalità non entra in vigore se non è trascorso almeno 1 anno dalla loro emanazione.
5. Una comunicazione continua verrà attuata fra le anagrafi nazionali riguardo ai cittadini delle singole nazionalità appena le condizioni renderanno sicura la condivisione dei dati
6. Sono cittadini del Lombardo-Veneto i cittadini iscritti ad una anagrafe nazionale veneta o lombarda o mantovana.
7. La cittadinanza del Lombardo-Veneto si aggiunge e non sostituisce la cittadinanza di ciascuna nazionalità.
8. Il Governo Federale ha diritto di ottenere dalle anagrafi nazionali sommari dati statistici sulla numerosità degli iscritti.

Capo 4 – Ambito territoriale
1. Il Lombardo-Veneto è suddiviso nei territori denominati Venetie, Lombardo e Mantovano
2. Il territorio delle Venetie comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti alla nazione veneta, e in particolare, ma non esclusivamente, comprende il territorio delle attuali province di Bergamo, Brescia, Crema e Lodi, Verona, Vicenza, Padova, Treviso, Belluno, Venezia, Rovigo, Pordenone, Udine. Le province delle Venetie sono autonome, il capoluogo è Venezia.
3. Il territorio del Lombardo comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti alla nazione lombarda, e in particolare, ma non esclusivamente, comprende il territorio delle attuali province di Como, Lecco, Pavia, Sondrio, Varese, Monza-Brianza e Milano. Le province lombarde sono autonome, il capoluogo è Milano.
4. Il territorio del Mantovano comprende i territori culturalmente, storicamente e legalmente spettanti al Ducato di Mantova, e in particolare il territorio dell’attuale provincia di Mantova che ne è il capoluogo.
5. Ciascuna provincia ha un proprio consiglio provinciale composto da un minimo di 3 membri eletti e di massimo di 1 membro eletto ogni 70.000 abitanti elettori. Il Consiglio elegge un proprio presidente. Gli statuti provinciali sono convalidati dalla rispettiva Assemblea nazionale.

Capo 5 – Lingue e minoranze linguistiche
1. La lingua ufficiale del Lombardo-Veneto è l’italiano.
2. Nei territori dove sono storicamente parlate sono riconosciute come lingue proprie ed ufficiali il veneto, il lombardo, l’emiliano-mantovano, il friulano, il ladino, lo sloveno, il walser, il tedesco e il cimbro.
3. Fatto salvo il diritto delle minoranze linguistiche riconosciute, la “Carta europea sulle lingue locali e regionali” del Consiglio d’Europa è parificata alle norme di rango costituzionale e viene attuata dalle Assemblee nazionali.
4. Ciascuna Assemblea nazionale determina le modalità con le quali 50.000 cittadini di un territorio uniforme locutori uno stesso idioma storico ottengono il riconoscimento di minoranza linguistica.
5. Ciascuna provincia produce una mappa delle lingue parlate storicamente nel proprio territorio, redatta con criteri scientifici e dati dialettometrici rilevati sul campo. Per quanto concerne le lingue riconosciute l’azione amministrativa provinciale si adatta alla mappa linguistica nella comunicazione ai propri cittadini. Le province collaborano affinché i cittadini di una stessa lingua vengano amministrati da una stessa autorità.
6. Nel territorio dove è parlata una lingua riconosciuta il cittadino ha diritto a ricevere ed inviare ogni corrispondenza istituzionale in tale lingua. La indisponibilità di cassa può eccezionalmente e provvisoriamente menomare tale diritto salvo accordi con le rappresentanze delle minoranze che ne coprano i costi.

Capo 6 – organizzazione federale
1. Il Lombardo-Veneto ha un Governo Federale, un Senato Federale e un Tribunale Federale, ciascuno con un proprio statuto determinati provvisoriamente con atto del Governo Federale e approvato alla prima riunione delle rispettive entità.
2. Le variazioni di competenze delle Istituzioni federali del Lombardo-Veneto vengono determinate di comune accordo con le minoranze Veneta, Lombarda e Mantovana, nel rispetto del principio di sussidiarietà bidirezionale e secondo leale cooperazione per cui ogni materia che possa essere gestita da una minoranza le spetta di diritto.
3. Qualunque ente istituzionale federale ha uno statuto o una costituzione nel quale si sancisce il rispetto dei diritti umani come riconosciuti dall’assemblea dell’ONU alla data del 1 luglio 2012.
4. Sulle materie federali spetta al Tribunale Federale la risoluzione dei conflitti di poteri fra istituzioni federali e i conflitti fra legge federale e nazionale sottoposte da un giudice nazionale.
5. Qualora un conflitto di competenza federale o attribuzioni di materie non possa essere risolto per composizione fra le Istituzioni federali o con il giudizio del Tribunale, il Tribunale del Popolo Veneto agirà come giudice di Ultima Istanza.
6. Le Istituzioni Federali hanno sito internet www.lombardo-veneto.net che agisce come organo di pubblicazione ufficiale delle norme, dei regolamenti, delle direttive e di ogni atto ministeriale. Il presente decreto verrà ivi pubblicato integralmente come atto fondativo.
7. Le Istituzioni federali apporranno sulla propria documentazione i 3 simboli nazionali determinati da ciascuna assemblea. Provvisoriamente le Istituzioni federali useranno congiuntamente il Leone in Moeca Veneto, il Biscione Lombardo e l’Aquila Mantovana.

Capo 7 – Governo Federale
1. Il Governo Federale rappresenta legalmente il Lombardo-Veneto nei rapporti internazionali.
2. Il Governo Federale è composto dal presidente, dai ministri, e dai delegati del senato al governo.
3. Il presidente del governo è nominato dal voto di almeno 2/3 dei senatori in carica. Il mandato del Presidente del Governo non è soggetto a scadenza. Almeno un decimo dei senatori in carica può richiedere una nuova votazione o la sua sostituzione. Il regolamento del Senato stabilisce le modalità di presentazione della mozione di rinnovo del presidente.
4. Il presidente del Governo sceglie liberamente i ministri, ma il senato ha diritto di veto.
5. Il Governo Federale dispone di un apparato di sicurezza regolato dalla legge federale e costituito al 75% dai delegati dei Governi nazionali. L’apparato di sicurezza federale non interferisce sulle competenze dei singoli autogoverni
6. Il Governo Federale non può menomare il proprio territorio o quello del Popolo Veneto se non a seguito di un referendum svolto in tutto il territorio statuale nel quale tutti i cittadini del popolo interessato abbiano potuto votare liberamente e secondo norme emanate in pieno autogoverno internazionale. Questa norma non può essere modifica se non attraverso un referendum in pieno autogoverno di tutto il Lombardo-Veneto.

Capo 8 – Senato Federale
1. Il Senato federale del Lombardo-Veneto è composto da non più di 200 membri, e comprende i delegati delle Assemblee nazionali, i 3 presidenti dei Tribunali Nazionali, i ministri del Governo, il capo di ciascuna Alta Autorità, gli altissimi funzionari dello Stato, e, sulla base della legge votata dal Senato stesso, i cittadini fra i più capaci e i meritevoli in numero non inferiore al 15% dei senatori.
2. Le Assemblee Nazionali Veneta, Lombarda e Mantovana, ciascuna con proprio metodo, distaccano nel Senato federale un membro ogni 200.000 residenti arrotondati per eccesso.
3. Il mandato di Senatore federale dura un massimo di 2 anni, rinnovabile una sola volta continuativa.
4. Il Senato è presieduto dal capo del governo federale e vota a maggioranza assoluta dei presenti. Il Senato nomina fra i suoi membri 3 vicepresidenti.
5. Il Senato federale nomina 3 suoi membri a consiglieri del Governo federale che per un massimo di 6 mesi parteciperanno alle sedute del governo con pieno titolo di voto. Ogni 4 mesi il Senato sostituirà almeno un consigliere nel governo, potendo rinnovare la carica del consigliere per non più di 2 volte consecutive e comunque non più di 5 volte in 5 anni.
6. Il Senato può regolamentare l’azione degli apparati di sicurezza federali e controllarli a mezzo di speciali commissioni che relazionano annualmente al governo e alle assemblee nazionali. Gli organi di sicurezza federale non interferiscono sulle competenze dei singoli autogoverni.

Capo 9 – Garante dell’Ordinamento
1. I presidenti dei 3 Tribunali nazionali svolgono a turno per 6 mesi la funzione di Garante Supremo dell’ordinamento del Lombardo-Veneto. Il mandato del Garante viene prorogato di 3 mesi ogni qualvolta è eletto un nuovo presidente del Governo.
2. Il Garante dell’Ordinamento, o gli altri 2 presidenti di Tribunale nazionale se d’accordo fra loro, possono mettere in stato di accusa il presidente del Governo federale, i ministri, i membri di un governo nazionale, un membro del senato riguardo a violazioni della legge internazionale sulla sovranità dei popoli, o per atti che mettono in attentato la sovranità di una nazione o della federazione del Lombardo-Veneto per quanto incompatibile con le leggi, come per crimini contro l’umanità se riconosciuti internazionalmente. Sullo stato di accusa decide il Senato integrato dai 12 magistrati più anziani della federazione e con l’esclusione del voto degli accusati. Le sentenze del Senato sono immediatamente esecutive, i condannati possono appellarsi alla propria assemblea nazionale. La sentenza del Senato e d’appello debbono essere confermate da tutte le Assemblee nazionali.
3. Il Garante dell’Ordinamento può essere messo in stato di accusa dal Governo collegialmente, le accuse sono giudicate dal Senato integrato dai 12 magistrati federali più anziani anche in appello.

Capo 10 – Tribunale Federale
1. Il Tribunale federale decide sui conflitti di attribuzione e di potere fra Governo, Senato, Autorità, Governi nazionali e Assemblee nazionali per le sole materie federali.
2. Parimenti spetta al Tribunale Federale la risoluzione dei conflitti di poteri fra istituzioni federali e i conflitti fra legge federale e nazionale sottoposte da un giudice nazionale sulle materie federali.
3. Il collegio giudicante è costituito da un massimo di 15 giudici che decidono collegialmente.
4. Fanno parte di diritto del collegio i 3 presidenti dei Tribunali nazionali e 2 magistrati nominati dal Senato. I rimanenti alti magistrati sono delegati dalle singole Assemblee secondo criteri e numerosità determinati in maniera concordata fra i 3 governi nazionali .
5. Il collegio sceglie un presidente che resterà in carica per 6 mesi rinnovabile 1 sola volta consecutiva e che agisce da unico portavoce.

Capo 11 – Alte Autorità
1. Le Alte Autorità sono istituite dal Senato per specifiche materie tassativamente determinate senza interpretazione analogica e hanno un presidente nominato dal Senato.
2. Le Alte Autorità si conformano alle direttive del Governo Federale e tuttavia sulle materie loro conferite hanno potere di indirizzo e regolamentazione. Sui conflitti di attribuzione fra Autorità decide il Tribunale Federale.
3. Le nuove Alte Autorità non possono esercitare la loro funzione se non dopo l’approvazione del loro statuto da parte di ciascuna assemblea nazionale interessata dalla sua azione.
4. Ciascuna Assemblea nazionale può istituire liberamente con un’altra Assemblea una Autorità di cooperazione per determinati ambiti o tematiche territoriali senza l’interferenza del Governo Federale, ma la risoluzione dei conflitti di poteri è giudicata dal Tribunale Federale.
TITOLO 3 – DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE
1. Il Governo del Lombardo-Veneto ha sede presso lo Stato delle Venetie in Rubano.
2. Gli attuali componenti del Governo del Popolo Veneto assumono gli stessi ruoli nel Governo Federale fino alla nomina di un nuovo presidente del Governo Federale da parte del Senato Federale.
3. L’Assemblea del Popolo Veneto provvederà a delegare i propri membri appena sarà costituita l’Assemblea nazionale Lombarda o l’Assemblea Nazionale Mantovana.
4. La presente legge viene notificata ai membri dell’Assemblea del Popolo Veneto avvertendoli che è loro facoltà proporre emendamenti entro il termine di 60 giorni.

 

29 ago 2013

L’Asenblea vieta durante le riunion l’uso de super acolici, droghe sintetiche e naturali, e stabilise el limite de alcol a 0,5 gr/Kg. L’Asenblea vieta i cibi se no autorixà dal presidente, che ga anca el potere de limitar el fumo a seconda dei contesti.

I menbri pol chiedere sospension de 5 minuti che ga da esare autorixà dal Presidente.

2 set 2013

El presidente de l’Asenblea rinova ła proposta de incarico de Vicepresidenti ai menbri Mario Busato e Giacon Luigi, i stesi aceta.

19 set 2013

-Un menbro che se autosospende dal ruoło par seri motivi personałi no decade dal ruolo ma no recepise el stipendio.

-El Presidente de l’Asenblea połe sospendare un menbro da l’incarico ed eventualmente el so stipendio co l’aprovasion de l’Asenblea.

-Par ogni asensa injustificà el stipendio del menbro asente vien scursà del vałore de € 1000.

-I menbri justificài połe votare i ponti de l’ordine del giorno par via tełematica entro 72 ore da ła chiuxura de l’Asenblea.

-L’Asenblea, par motivi de grave emerjensa, połe dichiarare na lexe imediatamente executiva co publicasion imediata sensa posibiłità de revixion da parte dei menbri asenti justificài.

-Dopo tre asense justificàe consecutive e par el periodo de łe seguenti asense justificàe el stipendio del menbro asente vien scursà al valore de € 3000.

 1 oto 2013

-El termine de l’Asenblea vien fisà normalmente a łe ore 23.30, con ła posibilità de poder xlongare la seduta de masimo 30 minuti con ła majoransa dei menbri prexenti.

-La tratasion de ogni punto a l’ordine del giorno no pole durare pi de 15 minuti, e in tal caxo el presidente połe xlongare ła discusion a discresion o riviare el ponto a ła prosima Asenblea.

-L’inisio de l’Asenblea vien fisà al masimo a łe 21.00.

-I punti a l’ordine del giorno vien discusi in ordine cronołojico de prexentasion, co precedensa ai punti proposti in maniera urgente da parte del Governo, del presidente de l’Asenblea o del presidente del Tribunale.

-Vien fisà par ogni seduta come secondo punto “Aprovasion de l’o.d.g.”.

-Un menbro proponente un punto a l’o.d.g. pole richiedare l’urgensa de ła discusion a l’Asenblea che ga da decidare co majoransa dei prexenti. La richiesta połe esare fata na volta soła.

 -I menbri de łe Istitusion durante łe riunion publiche ga el obligo de de medaje istitusionałi con pasante girocoło de cołore difarente in baxe a l’Istitusion de apartenensa. I menbri de l’Asenblea portarà na medaja co so’l fronte el leon in moeca e so’l retro ła scrita “Menbro de l’Asenblea” con pasante de cołore roso. I menbri del Governo portarà na medaja co so’l fronte el leon in moeca e so’l retro ła scrita “Menbro del Governo” con pasante de cołore blu. I menbri del Tribunałe portarà na medaja co so’l fronte el leon in moeca e so’l retro ła scrita “Magistrato Veneto” con pasante de cołore xalo.

 -I menbri de łe Istitusion durante łe aparision publiche no istitusionali pole aotare medaje istitusionai da apuntare al peto co so’l fronte el leon in moeca.

 8 oto 2013

-Durante łe riunion de l’Asenblea ga da esare senpre prexente ła bandiera co el leon in moeca. La responsabilità xe del presidente de l’Asenblea o un so dełegà.

-In alternativa de emerjensa, in mancansa de ła bandiera co el leon in moeca vien doparà el gonfałon (leon andante co libro verto).

-Un menbro pole propore el rinvio de un ponto de l’o.d.g. e el rinvio xe vałido co’l voto favorevole de ła majoransa dei prexenti.

4 novenbre 2013

L’Asenblea se riunise minimo ogni 30 giorni, se posibile xoba de la cuarta setimana de ogni mexe.

Xe in vigore el calendario de l’Asneblea: http://www.statoveneto.net/assemblea/?p=460

17 febraro 2013 m.v.

Vien aprovà el Rejistro Dijitae dele Istitusion al 31/12/2013 consultabiłe in linea da tuti i çitadini.

Al Cao de l’Asenblea ghe speta un conpenso de 15000 Dogadi al mexe.

Ai Menbri de l’Asenblea ghe speta un conpenso de 10000 Dogadi al mexe.

Ai altri dipendenti de l’Aministrasion Veneta ghe speta un conpenso de 4000 Dogadi al mexe.

Anca in caxo de acumulo de cariche el conpenso ga un teto masimo de 30000 Dogadi.

I menbri che xe stà espulsi o xe decadùi dai ruoli istitusionali e che ga disconosùo le Istitusion ga tenpo 60 dì par depoxitarghe al Tribunale del Popolo Veneto dichiarasion de riconosimento dele Istitusion prexenti e pasà, par podere in futuro otegnere i conpensi maturai nel svolgimento dei ruoli stesi. In mancansa dela dichiarasion i conpensi vien anulà e se procede a eventuale rixarcimento del dano.

 30 oto 2014

Salvo dichiarasion de urgensa da parte del Governo o del’Asenblea, le lexi vien publicàe sol sito de l’Asenblea entro 48 ore dal’aprovasion finale dei menbri. I verbali i xe disponibili solo a i menbri de l’Asenblea e ai çitadini so richiesta al presidente. La lexe xe indicà co la data del dì de publicasion e co eventuale titolo se indicà da l’Asemblea. Se l’asemblea fa pì lexi inte’l steso dì, se numara le lexi a partire dal numero uno. Ogni singola lexe xe organixà in articoli numerà, eventualmente co diversi sub articoli specificà co lettere.

3 apr 2015

El Cao de l’Asenblea tien el bilancio de l’Asenblea co periodo de 1 ano dal 1 marso e ga da prexentarghelo ano par ano a l’Asenblea entro el 30 de aprile

 

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Raccolta – Regołamento del’Asenblea

Raccolta – Sistema Monetario

Lexe / Law

In baxe a le normative aprovàe dal’Asenblea i giorni:

(2015) 3 apr

In baxe a le normative aprovàe dal Governo i giorni:

(2000) 16 ago

Xe in vigore la seguente lexe:

Lexe sol Sistema Monetario

D. 16 agosto 2000

1.xe da incarico al ministero del texoro de stanpar moneda in cuantità corispondente ai bisogni del marcà del Popoło Veneto;

2.ła moneda vien ciamà DOGADO con grafia e pexature come da bose aprovae dal governo;

3.ogni bosa aprovà presentà co richiesta de personalixasion da parte de dite comerciai sarà senpre ciamae dogado co ła personalixasion in corispondensa del spasio del numaro de serie;

4.el DOGADO vien distribuio ai çitadini. Come da convension tra łe parti;

5.el valor del canbio del Dogado vien stabiłio o modificà soło co decreto del governo su proposta del Ministro del Texoro;

6.Xe proebia cualsiasi aplicasion in percentuałe par tasi de intarese de prestiti de DOGADI . ła distribusion del dogado poe anca vegnere fata ai çitadini drio contrato de previxion de costrusion de beni co ipoteca a cargo sui beni stesi fin ała restitusion dei dogadi erogai in data stabiłia in tel contrato, dai Mandatari o diretamente dal Ministero del Tesoro;

7.xe punio chiunque stanpa e distribuise Dogadi falsi co condana de risarcire el dano economico causà; col sequestro imediato de tuti i beni mobli, imobili, e corispetivo in vałuta in so poseso e in pì co 6 mesi de preson;

8.el raporto de scanbio xe stabiłio tra 1 euro pari a 2 dogadi all’emision e al ritiro dal ministero del texoro;

9.pa i scanbi comerciai xe stabiłio 1 euro pari a 1 dogado. A difarensa de canbio tra l’emision e ła comercialixasion che xe pari a un Dogato pa ogni euro xe el valore del 50 par çento del Signorajo che se spartise in acordo de tranxasion diretamente el popoło Veneto tramite e durante i scambi comerciai;

10.el çitadin che pasa al ritiro de vałuta sensa scanbi comerciai direttamente al ministero del texoro perde el 50 par çento del signorajo del dogado destinà direttamente al popoło in libera tranxasion comerciałe;

11.el restante 50 del signorajo del dogado xe de proprietà dell’autogoverno del Popolo Veneto, el capita£e del signorajo ga da esere tegnuo a riserva almanco pal 90 par sento inpegnà in beni sicuri come garansia del vałore del Dogado . el 10 par çento poł esare tegnuo in liquidità e spexo par ła gestion de governo, ma reintegrà a fine ano co łe entrate fiscałi dell’11 de novenbre;

3 apr 2015

Nel Lombardo-Veneto l’attività bancaria e di prestito di denaro come quella assicurativa è riservata alle attività registrate come imprese presso il Tribunale delle Venezie. L’attività  abusiva è punita con il carcere e il risarcimento del danno secondo giurisprudenza.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Raccolta – Sistema Monetario

Legge di Nazionalizzazione del 3 aprile 2015

Lexe / Law

Nella funzione di parlamento del Lombardo-Veneto l’Assemblea delibera la nazionalizzazione dei seguenti beni:

  • i comuni, le province, le regioni e qualunque altra amministrazione dello Stato Italiano, così come le loro proprietà, compresi società o comunque imprese, terreni, pertinenze, beni mobili e immobili, arredi e ogni altro possesso;
  • le società e i loro beni aventi funzioni di servizio pubblico o soggette alla tutela del pubblico interesse anche secondo la legislazione da loro richiamata;
  • tutto il territorio del Lombardo-Veneto e le sue pertinenze, comprese l’etere, lo spazio aereo, le viscere della terra i corsi e spazi d’acqua, i canali e le vie reflue, i laghi e le coste secondo il massimo spazio attribuibile dal diritto nazionale ed internazionale;
  • le strade e le vie di comunicazione attualmente pubbliche, ogni rete pubblica o di servizio pubblico compreso i loro annessi e quanto ad essi necessari al normale funzionamento;
  • i proventi privati derivanti dall’uso dei beni nazionalizzati;

Quanto sopra elencato è proprietà del rispettivo stato (Veneto, Insubre o Mantovano) nel quale si trova, ogni loro cessione è nulla, chi ne ha il possesso la deve mantenere nella massima efficienza secondo gli interessi del rispettivo stato. Chiunque attenti alla completa proprietà di questi beni a danno degli stati della confederazione (anche quando questo attentato sia costituito da attività di mero finanziamento o favoreggiamento) viene punito con la reclusione da un minimo di 10 anni e secondo giurisprudenza e viene obbligato al risarcimento dei danni, o gli eredi compresi fino alla terza generazione se deceduto o irreperibile.  E’ facoltà dei privati rivendicare con ricorso alla rispettiva autorità la proprietà di beni nazionalizzati aventi funzioni socialmente particolari.

L’Asenblea vota per l’entrata in vigore per il 12 aprile salvo revisione maggioritaria del voto.

 

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Legge di Nazionalizzazione del 3 aprile 2015

Lexe 3 aprile 2015

Lexe / Law

1 – Nella funzione di parlamento del Lombardo-Veneto l’Assemblea delibera la nazionalizzazione dei seguenti beni:

– i comuni, le province, le regioni e qualunque altra amministrazione dello Stato Italiano, così come le loro proprietà, compresi società o comunque imprese, terreni, pertinenze, beni mobili e immobili, arredi e ogni altro possesso;

– le società e i loro beni aventi funzioni di servizio pubblico o soggette alla tutela del pubblico interesse anche secondo la legislazione da loro richiamata;

–  tutto il territorio del Lombardo-Veneto e le sue pertinenze, comprese l’etere, lo spazio aereo, le viscere della terra i corsi e spazi d’acqua, i canali e le vie reflue, i laghi e le coste secondo il massimo spazio attribuibile dal diritto nazionale ed internazionale;

– le strade e le vie di comunicazione attualmente pubbliche, ogni rete pubblica o di servizio pubblico compreso i loro annessi e quanto ad essi necessari al normale funzionamento;

– i proventi privati derivanti dall’uso dei beni nazionalizzati;

Quanto sopra elencato è proprietà del rispettivo stato (Veneto, Insubre o Mantovano) nel quale si trova, ogni loro cessione è nulla, chi ne ha il possesso la deve mantenere nella massima efficienza secondo gli interessi del rispettivo stato. Chiunque attenti alla completa proprietà di questi beni a danno degli stati della confederazione (anche quando questo attentato sia costituito da attività di mero finanziamento o favoreggiamento) viene punito con la reclusione da un minimo di 10 anni e secondo giurisprudenza e viene obbligato al risarcimento dei danni, o gli eredi compresi fino alla terza generazione se deceduto o irreperibile.  E’ facoltà dei privati rivendicare con ricorso alla rispettiva autorità la proprietà di beni nazionalizzati aventi funzioni socialmente particolari.

L’Asenblea vota per l’entrata in vigore per il 12 aprile salvo revisione maggioritaria del voto.

 

2- Nel Lombardo-Veneto l’attività bancaria e di prestito di denaro come quella assicurativa è riservata alle attività registrate come imprese presso il Tribunale delle Venezie. L’attività  abusiva è punita con il carcere e il risarcimento del danno secondo giurisprudenza.

 

3-El Cao de l’Asenblea tien el bilancio de l’Asenblea co periodo de 1 ano dal 1 marso e ga da prexentarghelo ano par ano a l’Asenblea entro el 30 de aprile.

 

 

 

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Lexe 3 aprile 2015

Lexe 30 otobre 2014

Lexe / Law

Salvo dichiarasion de urgensa da parte del Governo o del’Asenblea, le lexi vien publicàe sol sito de l’Asenblea entro 48 ore dal’aprovasion finale dei menbri. I verbali i xe disponibili solo a i menbri de l’Asenblea e ai çitadini so richiesta al presidente. La lexe xe indicà co la data del dì de publicasion e co eventuale titolo se indicà da l’Asemblea. Se l’asemblea fa pì lexi inte’l steso dì, se numara le lexi a partire dal numero uno. Ogni singola lexe xe organixà in articoli numerà, eventualmente co diversi sub articoli specificà co lettere. Le lexi xe costituie solo da la norma che crea ai çitadini diriti o oblighi o inpedimenti, sensa el testo dele discusion che xe solo nel verbale.

 

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Lexe 30 otobre 2014

Verbali disponibili so richiesta

Comunicasion / Communications, Verbałe / Report

Dalla data odierna si aplicca la legge 30 otobre 2014 secondo cui:

” I verbali i xe disponibili solo a i menbri de l’Asenblea e ai çitadini so richiesta al presidente.”

Per visionare i verbali delle sedute dell’Assemblea rivolgersi al Presidente.

 

Contato del Presidente del’Asenblea: cao.asenblea(@)statoveneto.net

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Verbali disponibili so richiesta

Verbale 25 setenbre 2014

Verbałe / Report

Asenblea del Popoło Veneto

http://www.statoveneto.net/assemblea/

Verbałe 25 setenbre 2014

Ordine del Jorno

1–  Apeło e verifega dei prexenti, amision novi membri, decadensa asenteisti.

2–  Aprovasion de l’o.d.g.

3-  Nomina dei menbri del’Asenblea del Popolo Veneto a Senatori del Lombardo-Veneto.

4 – Lexe de Citadinansa (Palmerini)

5 –  Strumenti de autodifesa (Busato)

6 – Relasion del Cao del Governo soi raporti internasionali

7 – Varie e eventuałi.

 

El Presidente verxe l’Asenblea a Limenaałe ore 21.30.

 

1- Prexenti: (5) Busato, Giacon, Lunardon, Palmerini, Salice.

Asenti justificà: 0 Asenti injustificà: Lando, Ioverno. Sospexi: Tasinato, Brotto, Callegari, Garbin, Lera, Rebellato.

 

2– Giacon propone de xontare: 7– istitusion deła comision pai documenti de identità.

L’Asenblea vota. Pro: 4 Contro: 1 No sinceri: 0. Aprovà.

Palmerini propone de xontare: 8– modałità e prassi de scritura dełe dełibere del’Asenblea.

L’Asenblea vota. Pro: 5 Contro: 0 No sinceri: 0. Aprovà.

 

3- Vista ła mancansa dei menbri raprexentativi dełe asenblee insubre e mantovana,Palmerini dimanda el rinvio.

L’Asenblea vota. Pro: 5 Contro: 0 No sinceri: 0. Aprovà.

 

4- Palmerini propone de xontare neła Lexe de Citadinansa el testo:

“el marìo o ła mujere de çitadin veneto ga dirito ała citadinansa veneta dopo esare stà residente inte’l teritorio nasionale pa almanco 5 ani de continuo e ga da dimostrar de conosare ła łengua veneta.

El pare o la mare de un çitadin veneto, e che ło acudise, ga dirito ała residensa e senpre dopo 5 ani ała citadinansa se el conose ła łengua.”

L’Asenblea vota. Pro: 5 Contro: 0 No sinceri: 0. Aprovà.

 

Palmerini propone de xontare ała fine de l’odg e l punto: 9 – discusion del documento prodoto dal menbro Giacon.

L’Asenblea vota. Pro: 5 Contro: 0 No sinceri: 0. Aprovà.

 

5- Busato propone che vegna publicà na guida pai çitadini che spieghe łe posibilità e łe alternative par l’autodifexa fiscałe nei confronti dełe istitusion ilegitime.

L’Asenblea discute.

L’Asenblea vota. Pro: 2 Contro: 3 No sinceri: 0. Aprovà.

 

6- El Cao del Governo rełasiona sołe novità inerenti i raporti internasionałi.

L’Asenblea ciapa ato e bate łe man.

 

7- Giacon richiede l’istitusion de na Comision par i documenti de Identità. Giacon e Lunardon xe menbri dela Comision.

L’Asenblea vota. Pro: 3 Contro: 2 No sinceri: 0. Aprovà.

 

8- modałità e prasi de scritura dełe dełibere del’Asenblea

Palmerini propone el rinvio.

L’Asenblea vota. Pro: 4 Contro: 1 No sinceri: 0. Aprovà.

 

 

9 – Palmerini richiede ła discusion de un documento prodoto e pubicà dal menbro Giacon. El documento vien meso ai ati. Palmerini sotolinea che i contenuti del documento xe inconpatibili con la carica de menbro de l’Asenblea e richiede che l’Asenblea ghe inponga al menbro Giacon de dismetare imediatamente la partecipasion a projeti inconpatibili coil Statuto del’Asenblea o che Giacon decada da menbro ala prosima riunion se no otenpera.

L’Asenblea vota. Pro:4 Contro:1 No sinceri: 0. Aprovà.

 

Giacon richiede che sta votasion vegna riproposta ała prosima riunion.

El presidente se riserva de rispondare ala prosima riunion.

 

El Presidente sara l’Asenblea ałe ore 00.30.

El verbałe sarà disponibiłe pała votasion da parte dei menbri asenti justificài par 72 ore (3 dì).

 

Presidente del’Asenblea

Andrea Lunardon

Par ulteriori informasion o comunicasion: cao.asenblea@statoveneto.net – Tel: 349 7121656

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Verbale 25 setenbre 2014

Raccolta – Çitadinansa e Sojorno

Lexe / Law

 Lexi de Çitadinansa e Sojorno (racolta no esaustiva)

27 lujo 1999  (costituente popolo veneto)

Poe iscriverse ala lista dei çitadini veneti (Anagrafe del Popolo Veneto) chi che riconose el dirito de autogoverno del popolo veneto e che el sia:

1-nato/a da parlanti veneto
2-disendente fin aea seconda jenerasion (nevodi) de un parlante veneto nato in veneto;
3-residente in veneto in da almanco diese (10) ani, venetoparlante;
4-nato/a in Veneto,  residente da almanco 5 anni, venetoparlante
5-chi ga l’acetassion secondo dimanda speciae;

lexe 21 jugno 2000 (Governo)

1) Le persone di altre nazionalità non appartenenti alla U.E. possono rimanere per un periodo di 15 giorni trascorso il quale possono ottenere permesso di soggiorno per tempi più lunghi, sotto concessione del Governo dei Veneti, se dimostrano di disporre di un redditto minimo di £ 650.000 da lavoro o da redditi propri in attività lecite.
2) I fermati dalle forze di polizia che non esibiscono un documento valido con relativo permesso di soggiorno, scaduti i 15 giorni per turismo vengono intimati di lasciare il territorio entro 10 giorni, e accompagnati alle frontiere se fermati trascorso tale periodo.
3) I permessi di soggiorno per i motivi di lavoro o umanitari devono essere richiesti al Tribunale del Popolo.

lexe 2 setenbre 2013 – Buono pala futura ridusion de tase (Asenblea)

Al momento de l’iscrsion a l’anagrafe el dimandante połe segnalar el nome de n’altro çitadin che lo ga motivà a l’iscrision. La segnalasion xe conposta de Nome, Cognome e, se necesario, data o logo de nasita . L’asenblea inpegna le Istitusion a corispondarghe un credito d’inposta de l’ecuivalente de 100 euro a ogni çitadin segnalà come motivatore de na iscrision. El credito sarà operativo al pien ragiungimento de ła sovranità.

lexe 10 lujo 2014  (Asenblea)

El çitadin Mirco Mengarda de Zenzenighe xe nominà funsionario de l’Anagrafe par łe provinçe de Belun e Trento.
El çitadin Luigi Giacon de San Martin de Lovari xe nominà funsionario de l’Anagrafe par łe provinçe de Padova, Treviso e Venesia.
El çitadin Amedeo Moras de Pordenon xe nominà funsionario de l’Anagrafe par łe provinçe de Pordenon e Udin.
El çitadin Andrea Lunardon de Sitadea xe nominà funsionario de l’Anagrafe par łe provinçe de Vicensa, Verona e Rovigo.
El çitadin Beniamino Salice de Saviore dell’Adamello xe nominà funsionario de l’Anagrafe par łe provinçe de Berghem e Bresa.
I interesài ga da dimandare eventuałi chiarimenti al Tribunałe del Popoło Veneto.

lexe 25 setenbre 2014  (Asenblea)

El marìo o ła mujere de çitadin veneto ga dirito ała citadinansa veneta dopo esare stà residente inte’l teritorio nasionale pa almanco 5 ani de continuo e ga da dimostrar de conosare ła łengua veneta.

El pare o la mare de un çitadin veneto, e che ło acudise, ga dirito ała residensa e senpre dopo 5 ani ała citadinansa se el conose ła łengua.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Raccolta – Çitadinansa e Sojorno

Codexe Tributario

Lexe / Law

In baxe a le normative aprovàe dal’Asenblea i giorni:

(2014) 28 ago (2013) 23 xen m.v., 2 set

In baxe a le normative aprovàe dal Governo i giorni:

(2009) 28 diç., (2002) 20 mar, (2001) 22 nov, (2000) 16 ago, 4 jug

Xe in vigore la seguente lexe:

Codexe Tributario

 

D. 4 jugno 2000

£a tasasion xe stabi£ia al 2% (do par sento) par tuti i rediti e £e persone juridiche.

Pa ogni tranxasion de beni e de servisi xe dovesta na inposta de’l 20 %, escluxi i beni necesari:
– alimentari (ma no i alcoici)
– caxa de abitasion

Soi teritori dea Talia de£a ex-Republica Veneta dita “£a Serenisima”, tute £e altre inposte e tase de altro ente xe scanceà e ilega£, parché sto teritorio xe de conpetensa de’l Autogoverno dei Veneti ai sensi de£e lexi dea Republica Taliana n.340 del 1971 e n.881 del 1977.
L’inpoxision de ste tase abrogae xe reato.

Ogni axienda otien dal Tribuna£ del Popo£o Veneto el Codice fisca£ numerico de axienda.

Pa £e atività economiche de£e persone singoe xe conservà el codice fisca£ dea Republica Italiana.

El Governo decide che se verxe un conto de banca pa’l pagamento de£e tase. £a gestion de £e finansa e del conto corente xe cargà al ministro de£e finanse, che vien nominà Bulla Paolo.

L’ inposta so £e tranxasion xe ciamà IS , Inposta soi Scanbi opure:
1) ex-IVA (ex “Imposta sul Valore Aggiunto”)
2) VAT ( “Value added Tax”)
e co sto nome va segnai sti pagamenti.

L’ inposta soi scanbi va versà entro l’ ultimo dì de ogni mexe pa £e spetanse del mexe prima e so£o pa l’ efetivo de casa: no va pagà cue£o che rixulta dae scriture contabi£i, ma cue£o che xe sta incasà de fato.

D. 1 agosto 2000

1. E’ soggetto a questo decreto il territorio nazionale dei veneti composto dalle città di Belluno, Bergamo, Brescia, Crema, Monfalcone, Padova, Pordenone, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza ed i loro circondari provinciali.

2.Alle amministrazioni comunali del territorio nazionale veneto è fatto obbligo di riscossione dell’imposta I.S. del 20% che i cittadini e le imprese devono versare entro il mese successivo all’incasso effettivamente
realizzato in pagamento di servizi o scambi commerciali (ex i.v.a.)

3.I versamenti vanno depositati sul conto corrente postale intestato al comune.

4.E’ delegata la riscossione dell’imposta sul redditto aziendale o personale pari al 2% (ex-irpeg ed ex-irpef) pagata sulla competenza dell’anno solare precedente l’11 novembre di ogni anno.

5.Spetta al Sindaco il controllo delle regolarità contabile, attraverso ispezioni contabili alle ditte, ai cittadini, agli amministratori delegati o comunque nominati, residenti nel territorio comunale.

6.Le eventuali irregolarità riscontrate devono essere denunciate dal sindaco al Tribunale del Popolo Veneto a cui compete istruire il processo ed emettere le sentenze opportune secondo i casi giurisprudenziali.

7.Il sindaco o l’amministratore da lui nominato può utilizzare per tutti gli scopi sociali, amministrativi, istituzionali e per le opere pubbliche di loro competenza la somma pari al 70% delle imposte riscosse, secondo le indicazioni delle assemblee comunali tenuto conto del risultato di voto dei cittadini con referendum per opere di particolare rilevanza o costo.

8.il 30% rimanente della raccolta delle tasse va versato al ministero delle finanze del Governo del Popolo Veneto entro il mese successivo alla raccolta, anche dopo la proclamazione allo Stato Veneto nella repubblica
Italiana;

9.Non sono ammesse nessuna altra imposta al di fuori di quelle in delega alle amministrazioni comunali, ma resta il potere di regolamentare equamente l’uso di beni e spazi comunali.

10.i comuni possono esigere solo i pagamenti per servizi usufruiti da cittadini utilizzatori, e sono soggetti all’imposta I.S..

11.i cittadini veneti con redditto inferiore a lire 10.000.000 nei 12 mesi precedenti ricevono rimborso per i servizi ottenuti.

12.non è ammessa alcuna spesa da parte delle amministrazioni senza la liquidità di cassa già disponibile.

13.Copia del presente decreto ed il suo omologo in lingua veneta deve essere esposto in ogni ufficio comunale, pubblicato su almeno un giornale locale, il sindaco deve darne notizia in una televisione locale anche a pagamento.

D. 22 novenbre 2001

El Governo decreta £a costitusion de un ente de comodo pa£a riscosion dei
crediti, dei tributi e dei patrimoni in jenere de proprietà o dirito de
l’Autogoverno del Popo£o veneto, secondo lexe veneta.

L’ ente se ciamarà “Casa Nasiona£ Veneta” o “Cassa Nazionale Veneta” a
seconda dei uxi de registrasion aministrativa. Da sto ponto in là se dirà
Casa pa indicare £a “Casa Nasiona£ Veneta” .

Fondatori de£a Casa sarà Franceschi Luciano, prexidente, Bulla Paolo,
ministro de£e finanse, Palmerini Loris, Prexidente del Tribuna£.

£a Casa no ga scopo de lucro pa i costituenti o altri ma xe fina£izà a
l’autogoverno del popo£o veneto, cofà società de servisio, secondo lexi
venete e xe de proprietà de l’autogoverno del Popo£o veneto.

£a Casa vegnarà registrà a on “Uficio del Registro” talian pa el
riconosimento da parte del stato ocupante, dopo de ché vegnarà registrà
inte’l teritorio talian pa uxo de axienda in teritorio talian, preso el
“Ministero delle Finanze”.

£a Case se dota de on conto corente posta£ in deroga a£a lexe veneta, pa
i fini de l’autogoverno, co registrasion co i dati dimandai da£a
aministrasion ocupante.

£a Casa no podarà far debiti scoperti. Se on socio versa schei o agisce
al scoerto de moneda de casa £o fa in so conto e so spexa e soto so
responsabi£ità pena£ se no xe sta de£iberà secondo rego£e scrite soto.

£a casa par dotarse de tuti i mexi o conti anca esteri che ga bixogno de
uxare, £o fa soto delibera del prexidente de£a Casa e almanco un socio
fondatore o un so delegà. £a firma congiunta xe richiesta anca par el
prelievo de fondi o trasferimento de beni.

Tuto l’ativo de casa xe de proprietà de l’autogoverno, el pasivo xe a
carico dei soci.

El statuto de£a Casa vegnarà scrito en lengua taliana.

D. 20 marso 2002

Xe exentà da£e taxe IS i rediti soto i 650 Euro mexe lordi.

Da£a dichiarasion dei rediti se po£ detrare pa intiéro al 100%:
1a) £e spexe pa’l trasporto publico e i costi de carburante consumai pa £aoro;
1b) i costi de uficio (afiti, telecomunicasion, costi de persona£ e de servisi);
1c) i costi de beni strumentai pa £aoro e pa£a sicuresa;
1d) spexe de acuisto de imobi£i costruii prima del 1797;
1e) spexe de ristruturasion e riparasion de tuti i imobi£i e i sistemi eletrici,sanitari e de telecomunicasion;
1f) spexe del propio mantenimento che conprende (alimenti, pasto inte l’orario de £aoro);
1g) spexe pa riparasion dei mexi de trasporto;
1h) rete pa axi£o,sco£e, università, istituti de formasion;
1i) po£ise pa ma£atia, pension e infortuni:
1l) spexe de acuisto e riparasion de£a prima caxa e i so jardin;
1m) spexe e gestion (acua, luce, gas, te£efono) de£a prima caxa;
1n) 200 Euro al mexe pa i fami£iari a cargo sensa fio£i;
1o) acuisto e gestion de depuratori e riciclatori pa l’acua, pa l’aria e i scarichi de tuti i gas, £e polvari e ogni materia£;
1p) acuisto e gestion de inpianti pa risparmio energetico e pa inpianti a metano, eolici, fotovoltaici;

Da£a dichiarasion dei rediti se po£ detrare el 50% pa ano fin al 100%:
2a) spexe de publicità;
2b) spexe pa acuisto e rinovo imobi£i de £aoro;
2c) spexe pa i automexi uxai pì pa’l £aoro che pa i uxi privai;
2d) spexe del vestiario uxà pa £aoro;
2e) spexe de libri pa studio in sco£e e ogni istituto de formasion;

28 diçenbre 2009

Articolo 1 – La tassazione generale è fissata nella percentuale del 25% del reddito imponibile.
Articolo 2 – Il reddito imponibile si calcola detraendo dall’incassato il 100% delle spese sostenute inerenti l’attività, comprese le spese di investimento, in personale, in macchinari e attrezzature, in pubblicità e promozioni, e i canoni per servizi necessari alla attività.
Articolo 3 – Non fanno parte dell’imponibile le cifre fatturare ma non ancora incassate
Articolo 4 – I soggetti che hanno più attività aziendali e personali, dopo aver predisposto le dichiarazioni per ciascuna di esse possono presentarle allegate ad una dichiarazione complessiva dove compensano le cifre al passivo o i crediti di imposta con le cifre all’attivo di tutte le attività, versando solo il dovuto all’attivo o con richiesta di rimborso dei crediti d’imposta risultanti.
Articolo 5 – Sui redditi netti percepiti le persone fisiche devono versare il 3% in un fondo pensionistico vincolato di durata ventennale sottoscritto presso una società assicurativa con almeno 100.000 assicurati. Possono ottenere lo svincolo del fondo gli ultrasessantacinquenni.
Articolo 6 – L’imposta sugli scambi (ex IVA) è fissata al 20% dell’importo per ogni attività tranne che per la vendita di alimentari.
Articolo 7 – In attesa di una organica sistematizzazione delle Lista dei Crimini (Codexe Penałe))  e della lista degli Usi (Codexe Civiłe), vengono rese esecutive nell’ordinamento veneto tutte le fattispecie di reato e tutte le fattispecie del codice civile della legislazione italiana vigenti al 23 maggio 1992, sempre che esse non siano in contrasto con le norme venete oppure con i principi comuni agli stati Europei e salvo giurisprudenza veneta.

2 setenbre 2013 – Buono pala futura ridusion de tase

Vien istituio un buono cartaceo par la futura ridusion de tase. [Version del Governo mesa ai ati.]

Modifiche so’l fronte:

-Dicitura “Stato delle Venetie”.
-“Vedi come sul sito www.statoveneto.net”

Al momento de l’iscrsion a l’anagrafe el dimandante połe segnalar el nome de n’altro çitadin che lo ga motivà a l’iscrision. La segnalasion xe conposta de Nome, Cognome e, se necesario, data o logo de nasita . L’asenblea inpegna le Istitusion a corispondarghe un credito d’inposta de l’ecuivalente de 100 euro a ogni çitadin segnalà come motivatore de na iscrision. El credito sarà operativo al pien ragiungimento de ła sovranità.

-Vien disposto al Governo ła modifica del moduło de iscrision del Stato de łe Venetie.

 

 23 xenaro 2013 m.v. (2014)

Vien creà la sesion  RIV (Rejistro de le Inprexe Venete) sol sito istitusionale (www.statoveneto.net/RIV) ndove che le inprexe pole richiedare l’iscrision.

 

28 agosto 2014

El Governo ga el mandato de verxare un conto so Paypal.uk co l’indiriso finanze@lombardo-veneto.net.

El Governo ga el mandato de verxare na carta prepagata Paypal colegà al conto.

 

 

 

 

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Codexe Tributario

Regołamento del Tribunale

Lexe / Law

In baxe a le normative aprovàe dal’Asenblea durante le riunion dei giorni:

(2014) 27 ago (2013)  17 febraro m.v., (2011) 13 otobre, (2010) 5 setenbre, (1999) 26 setenbre.

In baxe a le normative aprovàe dal Governo coi Decreti del:

(2000) 4 jug

Xe in vigore la seguente lexe:

 Regołamento del Tribunałe

  26 setenbre 1999 – Fondasion del Tribunałe

Il popolo veneto, riconosciuto dall’art.2 della L.n.340 del 1971 della Repubblica Italiana, nella maggioranza dei cittadini veneti iscritti regolarmente alla “Lista dei cittadini veneti” tenuta dal regolare Autogoverno del Popolo Veneto proclamato ai sensi della suddetta L.n.340 e del “Patto sui diritti e civili e politici ” recepito dallo Stato Italiano con la l.n.881 del 1977, il popolo veneto si riunisce oggi per la creazione di sue istituzioni fondamentali nel rispetto delle leggi e delle libertà politiche e dal diritto naturale riconosciuti.

Nella discussione assembleare nel rispetto della tradizione consiliare veneta si è riconosciuta la necessità della istituzione di una giurisdizione generale che tuteli i diritti soggettivi e gli interessi dei cittadini veneti secondo le leggi dell’autogoverno del popolo veneto perché è evidente che lo Stato Italiano non tutela, come suo obbligo, i diritti fondamentali dei cittadini veneti, sia i diritti civili e politici, sia quelli culturali, sociali e di sicurezza personale.

In virtù della libertà e della potestà politica riconosciuta al popolo veneto, data e riconosciuta la negazione di diritti linguistici, civili e politici dei cittadini veneti, per la necessità ed urgenza della tutela dei diritti soggettivi e degli interessi legittimi dei cittadini veneti, viene dichiarata la nascita del “Tribunale del Popolo Veneto” avente tutte le competenze e giurisdizione che la legge veneta gli riconosce. D’ora innanzi il “Tribunale del Popolo Veneto” potrà essere indicato semplicemente con il termine “Il Tribunale”.

Il Tribunale ha un presidente eletto direttamente dal popolo avente i requisiti di competenza ed imparzialità necessari al suo ruolo e stabiliti dalla legge veneta..

Il Presidente del Tribunale del Popolo Veneto coordina l’amministrazione della giustizia veneta, istituisce sezioni particolari che trattino cause di materie complesse, conferisce il titolo di giudice veneto, autorizza l’iscrizione dei procuratori abilitati nella giustizia veneta,. vigila sul buon trattamento delle cause, sanziona in via non esclusiva le violazioni di diritti umani commesse da giudici o da personale della giustizia, è obbligato a denunciare e porre sotto esame le violazioni di diritti umani di cui viene a comunque a conoscenza, interviene presso l’autogoverno del popolo esclusivamente per i problemi organizzativi della amministrazione della giustizia, agisce nella piena indipendenza dal potere politico e in nome del popolo.

Per necessità od urgenza od in speciali condizioni, può essere Presidente del Tribunale del Popolo Veneto ogni cittadino veneto regolarmente iscritto alla “Lista dei cittadini Veneti” avente almeno trenta anni di età superato un esame di verifica delle competenze giuridiche minime, ed assume la presidenza temporanea con il titolo di “Presidente supplente del Tribunale”

Il popolo veneto istituisce la “Lista dei crimini” e la “Lista degli usi” contenenti le sanzioni e le regole da rispettare nella società veneta. Ogni legge o articolo di legge che sanzioni comportamenti in qualunque maniera o stabilisca diritti o doveri da rispettare deve essere enunciato in almeno una di tali liste.

I giudici decidono anche in virtù delle sentenze precedenti con riguardo del caso specifico loro sottoposto in maniera che ogni cittadino che si comporti da buon padre di famiglia trovi tutela giuridica e non debba preoccuparsi di tenere altri comportamenti diversi dagli usi, e ogni sentenza viene iscritta in una delle liste enunciandone i principi applicati dal giudice e la motivazione da lui fornita riguardo agli usi.

Il Popolo Veneto proclama che l’articolo 1 della “Lista dei crimini” è costituito dal seguente testo :

“Chiunque neghi un diritto civile o politico riconosciuto nel “Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici ” o nel “Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali” emanato dalla assemblea della Organizzazione delle Nazioni Unite viene condannato al risarcimento dei danni prodotti e alla reclusione da un minimo di 6 mesi.”

Nel rispetto dell’interesse collettivo è riconosciuto al Governo del popolo Veneto il potere di grazia e condono.

Il popolo veneto, riconosciuto dall’art.2 della L.n.340 del 1971 della Repubblica Italiana, nella maggioranza dei cittadini veneti iscritti regolarmente alla “Lista dei cittadini veneti” tenuta dal regolare Autogoverno del Popolo Veneto proclamato ai sensi della suddetta L.n.340 e del “Patto sui diritti e civili e politici ” recepito dallo Stato Italiano con la l.n.881 del 1977, il popolo veneto si riunisce oggi per la creazione di sue istituzioni fondamentali nel rispetto delle leggi e delle libertà politiche e dal diritto naturale riconosciuti.

Nella discussione assembleare nel rispetto della tradizione consiliare veneta si è riconosciuta la necessità della istituzione di una giurisdizione generale che tuteli i diritti soggettivi e gli interessi dei cittadini veneti secondo le leggi dell’autogoverno del popolo veneto perché è evidente che lo Stato Italiano non tutela, come suo obbligo, i diritti fondamentali dei cittadini veneti, sia i diritti civili e politici, sia quelli culturali, sociali e di sicurezza personale.

In virtù della libertà e della potestà politica riconosciuta al popolo veneto, data e riconosciuta la negazione di diritti linguistici, civili e politici dei cittadini veneti, per la necessità ed urgenza della tutela dei diritti soggettivi e degli interessi legittimi dei cittadini veneti, viene dichiarata la nascita del “Tribunale del Popolo Veneto” avente tutte le competenze e giurisdizione che la legge veneta gli riconosce. D’ora innanzi il “Tribunale del Popolo Veneto” potrà essere indicato semplicemente con il termine “Il Tribunale”.

Il Tribunale ha un presidente eletto direttamente dal popolo avente i requisiti di competenza ed imparzialità necessari al suo ruolo e stabiliti dalla legge veneta..

Il Presidente del Tribunale del Popolo Veneto coordina l’amministrazione della giustizia veneta, istituisce sezioni particolari che trattino cause di materie complesse, conferisce il titolo di giudice veneto, autorizza l’iscrizione dei procuratori abilitati nella giustizia veneta,. vigila sul buon trattamento delle cause, sanziona in via non esclusiva le violazioni di diritti umani commesse da giudici o da personale della giustizia, è obbligato a denunciare e porre sotto esame le violazioni di diritti umani di cui viene a comunque a conoscenza, interviene presso l’autogoverno del popolo esclusivamente per i problemi organizzativi della amministrazione della giustizia, agisce nella piena indipendenza dal potere politico e in nome del popolo.

Per necessità od urgenza od in speciali condizioni, può essere Presidente del Tribunale del Popolo Veneto ogni cittadino veneto regolarmente iscritto alla “Lista dei cittadini Veneti” avente almeno trenta anni di età superato un esame di verifica delle competenze giuridiche minime, ed assume la presidenza temporanea con il titolo di “Presidente supplente del Tribunale”

Il popolo veneto istituisce la “Lista dei crimini” e la “Lista degli usi” contenenti le sanzioni e le regole da rispettare nella società veneta. Ogni legge o articolo di legge che sanzioni comportamenti in qualunque maniera o stabilisca diritti o doveri da rispettare deve essere enunciato in almeno una di tali liste.

I giudici decidono anche in virtù delle sentenze precedenti con riguardo del caso specifico loro sottoposto in maniera che ogni cittadino che si comporti da buon padre di famiglia trovi tutela giuridica e non debba preoccuparsi di tenere altri comportamenti diversi dagli usi, e ogni sentenza viene iscritta in una delle liste enunciandone i principi applicati dal giudice e la motivazione da lui fornita riguardo agli usi.

Il Popolo Veneto proclama che l’articolo 1 della “Lista dei crimini” è costituito dal seguente testo :

“Chiunque neghi un diritto civile o politico riconosciuto nel “Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici ” o nel “Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali” emanato dalla assemblea della Organizzazione delle Nazioni Unite viene condannato al risarcimento dei danni prodotti e alla reclusione da un minimo di 6 mesi.”

Nel rispetto dell’interesse collettivo è riconosciuto al Governo del popolo Veneto il potere di grazia e condono.

D. 4 jugno 2000

Al Prexidente del Tribuna£ del Popo£o Veneto o al suplente ghe speta 6000 Euro al mexe.

I aministrativi xe nominà provixoriamente dai Mistri de conpetensa e ghe speta 3000 Euro al mexe.

Ogni adeto o inpiegà a l’aministrasion veneta ciapa 2000 Euro /mexe.

Ai agenti de poisia veneta o judisiaria ghe va na xonta de indenità pa’l riscio de 1000 Euro/mexe.

I conpensi xe in cifre lorde. £e paghe vien dae co ghe xe disponibi£ità de casa, che xe de conpetensa del ministero de£e finanse.

5 setenbre 2010

1- Sia il presidente del Tribunale che il suo supplente debbono avere almeno 25 anni.

13 otobre 2011

-Data l’asensa del presidente del Tribunale, ła necessità ed urgenza e łe speciałi condision, ai sensi del Statuto del Tribunał, l’asenblea vota l’elesion de un “Presidente supplente del Tribunale”.

Se candida i menbri de l’Asenblea Mario Busato e Luca Lera.
L’Asenblea nomina presidente suplente del Tribunałe del Popoło Veneto Luca Lera.

17 xenaro 2013 m.v. (2014)

Vien aprovà el Rejistro Dijitae dele Istitusion al 31/12/2013 consultabiłe in linea da tuti i çitadini.

Al Presidente del Tribunale ghe speta un conpenso de 15000 Dogadi al mexe.

Ai Majistrati ghe speta un conpenso de 10000 Dogadi al mexe.

Ai altri dipendenti de l’Aministrasion Veneta ghe speta un conpenso de 4000 Dogadi al mexe.

Anca in caxo de acumulo de cariche el conpenso ga un teto masimo de 30000 Dogadi.

I menbri che xe stà espulsi o xe decadùi dai ruoli istitusionali e che ga disconosùo le Istitusion ga tenpo 60 dì par depoxitarghe al Tribunale del Popolo Veneto dichiarasion de riconosimento dele Istitusion prexenti e pasà, par podere in futuro otegnere i conpensi maturai nel svolgimento dei ruoli stesi. In mancansa dela dichiarasion i conpensi vien anulà e se procede a eventuale rixarcimento del dano.

 

27 agosto 2014

L’Asenblea vota Federico Ioverno de Vicensa come novo presidente del Tribunale del popolo veneto.

convert this post to pdf.
Commenti disabilitati su Regołamento del Tribunale
« Older Posts
  - - -   Search Engine Submission - AddMe

Bad Behavior has blocked 8 access attempts in the last 7 days.

Translate »