Archivi categoria: Lexe / Law

Lexe soła Carta de Identità

Lexe del 6 febraro 2013mv, soła Carta de Identità

 http://www.statoveneto.net/assemblea/?p=340

El prexente testo unico conprende e sostituise tute łe normative precedenti soła Carta de Identità aprovàe dal’Asenblea i dì: (2013) 17 xenaro m.v. -2014-, 21 e 4 novenbre, 8 otobre, 19 setenbre, 2 setenbre, 29 agosto – (2011) 30 marso.


CARATERISTICHE DEŁA CARTA DE IDENTITÀ DEL ÇITADIN VENETO

Denominasion: Carta de Identità Veneta / ID

Suporto: Tesera sensa microchip, co banda magnetica, co codexe QR. colore bianco.

Lengua:veneta. Par dubi soła grafia locałe e /o normałixà contatare l’Istituto pała Lengua Veneta (ILV).

Funsion: ła Carta cuerxe tute łe funsion de carta de identità, codexe fiscałe, tesera sanitaria, patenti de guida del’aministrasion precedente. Xe ativa na rete de convension e sconti asocià ała Carta de Identità.

Scadensa: ła scadensa de ła Carta xe a 5 ani da l’emision, o ała variasion de dati fondamentałi (rexidensa, dati patente).

Recuixiti: xe necesaria l’iscrision al’Anagrafe del Popoło Veneto. Ła Carta de Identità pai minori de 14 ani ga da esare richiesta dal titołare deła potestà xenitoriałe, e pai minori de 18 ani ga da esare çerta ła so iscrision al’Anagrafe.

 

—————————-ELEMENTI SOL FRONTE—————————-

-In alto a sinistra, logo istitusionałe del leon in mołeca.

-In alto al centro, intestasion “STATO DEŁE VENETIE” + “FEDERASION DEL LONBARDO-VENETO”

-In alto a destra, codexe QR. El QR verxe l’indiriso internet conposto da http://www.statoveneto.net/CODEXE_FISCAŁ ndove CODEXE_FISCAŁ ga da esare cueło del titołare, scrito in ciaro so ła stesa carta. Łe pajine http://www.statoveneto.net/CODEXE_FISCAŁ no ga da esare verte al publico, ma ga da esare acesibiłi co na password che conose el titołare de ła carta e i funsionari autorixài. I acesi e i canbiaminti fati ała pajina vien senpre rejistrài e xe vixibiłi dal titołare su richiesta ale istitusion de anagrafe.

-In baso a destra, ła foto del çitadin/a de dimension masime 3×2,5cm, posibilmente de ła stesa łarghesa del codexe QR.

CARTA DE IDENTITÀ (NUMARO/ID) XXXXXX00X00X000X (codexe de 16 carateri alfanumeriçi de identificasion fiscałe mutuà dal’aministrasion precedente)

COGNOME/I (vien doparà ła grafia locałe se el titołare no ga particołari exijense)

NOME/I (vien doparà ła grafia locałe se el titołare no ga particołari exijense)

MENDA/SORANOME (vien doparà ła grafia locałe se el titołare no ga particołari exijense)

NASIONAŁITÀ VENETA / LONBARDA / MANTOVANA / ITALIANA / SLOVENA / STRIACA / TODESCA / … (come da dichiarasion a l’Anagrafe del Popolo Veneto)

NATA/O EL DD/MM/AA (date in formato internasionałe)

NATA/O A COMUN, PROVINCIA / REJON / STATO INTERNO, STATO INTERNASIONAŁE. (In caxo de mancansa de spasio i elementi vien ridoti a partire da destra verso sinistra doparando łe sigle internasionałi riconosùe)

ALTESA 000 (tre çifre, in çentimetri)

OCI    MORI / MARON / VERDI / CEŁESTI / VIOŁA / GRIXI (cołore dei oci)

N°PIE   00  (do çifre, mixura europea del pie)

SESO  M / F  (mascio o femena)

G.S.   A+ / A- / AB+ / AB- / B+ / B- /  0+ / 0- (grupo sanguigno)

(INDIRISO DE) REXIDENSA BORGO / CAŁE / CANPIEŁO / CANPO / CONTRÀ / CORSO / PIASA / VIA / VIAŁE, CIVICO/INTERNO + FRASION + COMUN + PROVINCIA + (REJON / STATO INTERNO) + STATO INTERNASIONAŁE (In caxo de mancansa de spasio i elementi vien ridoti a partire da destra verso sinistra doparando łe sigle internasionałi riconosùe. Vien doparà ła grafia locałe se el titołare no ga particołari exijense.)

PATENTE CAT(EGORIA) AM / A1 / A2 / A / B1 / B / BE / C1 / C1E / C / CE / D1 / D1E / D / DE / KA / KB / CQC P / CQC M / ADR / I (anca conbinàe)

PRESCRISION (limitasion ala guida se prexenti) “GUIDA XX(.XX)” (codexe internasionałe de cuatro çifre de limitasion ała guida

 

—————————-ELEMENTI SOL RETRO—————————-

-in alto a sinistra, EMERGENCY 00 00 0000000000 (PREFISO INTERNASIONAŁE “00” + PREFISO NASIONAŁE es. Italia: “39” + NUMARO PERSONALE (es. 3460000000) (numaro pałe emerjense).

-sora ła banda magnetica, de sfondo, riprodusion del Lonbardo-Veneto cołe Venetie evidensiae in celeste.

-sora ła banda magnetica, a destra, SCADENSA DD/MM/AAA (a çincue ani da l’emision)

-sora ła banda magnetica, a sinistra, FIRMA (spasio pała firma del çitadin)

-soto ła banda magnetica, in mexo,  cauxa de responsabiłità “PAI UXI PREVISTI DAŁA LEXE”

banda magnetica: La banda magnetica vien programà el più posibiłe conpatibiłe co cuełe in circołasion internasionalmente, ma co specificà STATO DE LE VENETIE come ente de emision se aplicabiłe. In caso de necesità el Governo pol far detajo de łe specifiche tecniche.

Canpo 1: XXXXXX00X00X000X (codexe ID de 16 carateri alfanumeriçi deła Carta de Identità del çitadin/a)

Canpo 2: 0000000000000000000000000000000 (codifica ABA corispondente al codexe ID)

Canpo 3: STATO DELE VENETIE 

 

NORME PAI CONCESIONARI DE EMISION E DISTRIBUSION

Autorixasion Inisiałe

Ogni axienda rejistrà al Tribunałe che vołe cargarse del servisio de emision de Carte de Identità, ga da dimandarghe l’autorixasion al Tribunałe. Połe emetare carte de identità anca łe asociasion, i partiti, i comitati e łe singołe persone senpre che i se gabìa rejistrà al Tribunałe co łe stese modałità.

El Concesionario se incarica de iscrivare i çitadini richiedenti a l’Anagrafe del Popoło Veneto, deła racolta dei dati necesari ała produsion dełe Carte de Identità, de l’emision e deła consegna dełe stese, nonché de incasare par conto del Ministero del Texoro el contributo de emision e versàrghelo al Stato.

El Concesionario ajise come Funsionario dełe Istitusion Venete e el xe tegnùo a un conportamento consono ałe funsion proprie de ogni incarico istitusionałe.

Iscrision dei çitadini al’Anagrafe

L’iscrision al’Anagrafe xe un recuixito fondamentałe par otegnere ła Carta de Identità.

Se l’iscrison del çitadin/a avien de persona, el Concesionario xe tegnùo in particołare a prexentarghe al çitadin/a el moduło de iscrision ajornà al’Anagrafe del Popoło Veneto, che se połe scargare al’indiriso http://www.statoveneto.net/tribunale/moduli/ in lengua veneta e italiana, e jutarlo neła conpiłasion coreta del moduło e neła coreta scritura deła lengua.

Racolta dati pal documento e archiviasion foto

Ła Carta de Identità pai minori de 14 ani ga da esare richiesta dal titołare deła potestà xenitoriałe, e pai minori de 18 ani ga da esare çerta ła so iscrision al’Anagrafe.

Al momento deła richiesta deła Carta de Identità el funsionario no ga da dimandarghe i dati conpleti al richiedente se el steso dichiara de esare xà iscrito a l’Anagrafe, ma soło i dati indispensabiłi.

Ała ricesion de un ordine tełematico el Concesionario xe tegnùo a ocuparse deła rełasion col çitadin richiedente, contatarlo in caxo ghe fuse dati mancanti o inexati, ricordando che el ajise come Funsionario dełe Istitusion Venete e el xe tegnùo a un conportamento consono ałe funsion proprie de ogni incarico istitusionałe.

Traxmision dei dati al Tribunałe

El Concesionario xe tegnùo comunicarghe al Tribunałe i dati anagrafici otegnùi via posta ełetronica entro 3 dì łavorativi dal’iscrison e a trasmetare o consegnare i modułi cartacei originałi entro 15 dì łavorativi.

La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 dogadi (1 euro) par ogni dì de ritardo, da versare insieme al sucesivo versamento ordinario dei contributi. Superà i 60 dì de ritardo ła concesion de emision ała dita vien anułà.

Emision e Consegna

L’atività de emision svolta dal Concesionario no conporta spexe pałe Istitusion o rixarcimenti pal Concesionario.

El Concesionario xe tegnùo a inserire inte ła Carta tuti i canpi previsti in graseto dała tabeła “CARATERISTICHE DEŁA CARTA” dełprexente Lexe n°4, soła Carta de Identità (http://www.statoveneto.net/assemblea/?p=340) e doparare coretamente ła łengua veneta come normà dal’ILV.

El Concesionario xe tegnùo spedire o consegnare ła Carta al richiedente entro 7 dì lavorativi dała richiesta.

In caxo de mancansa de dati sol moduło de richiesta deła carta de identità, l’emitente de ła carta połe sospendare l’emision in atexa de verifica, ma se l’informasion mancante no inpedise l’identificasion coreta del titołare tramite ła carta stesa (par exenpio grupo sanguigno mancante) e el titołare deła carta xe d’acordo a riçevarla sensa i dati mancanti, l’emitente ga el obligo de produrla ma el xe esonerà dałe responsabiłità.

La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 dogadi (1 euro) par ogni dì de ritardo, che inisialmente ga da esarghe scontà al çitadin dal contributo pal’emision e pai dì seguenti calcołà a credito del Stato. Superà i 60 dì de ritardo ła concesion de emision ała dita vien anułà.

Incaso del Contributo de Emision

El pagamento del contributo de emision da parte del çitadin ga da esare incasà dal Concesionario.

Versamento dele Tase de Concesion.

Le axiende che emete carte ga da corispondarghe al Stato na Tasa de Concesion de 10 dogadi (5 euro) pa ogni carta emesa, da versare ogni 30 carte emese (versamenti de 300 dogadi).

I versamenti dei introiti va efetuai sol conto corente che fa capo al Cao del Governo o, su dełega, al Ministro dełe Finanse.

Ogni versamento ga da vegnerghe notificà ał Tribunałe dal concesionario via posta ełetronica.

El versamento va efetuà entro 15 dì łavorativi dała data de emision de ogni trentexima carta de identità. La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 dogadi (1 euro) par ogni dì de ritardo, da versare insieme al sucesivo versamento ordinario dei contributi. Superà i 60 dì de ritardo ła concesion de emision ała dita vien anułà.

 

RIEPILOGO SCADENSE E PENALI PAI CONCESIONARI 

entro 3 dì łavorativi dala ricesion del’iscrison del çitadin a l’Anagrafe, comunicarghe al Tribunałe via posta ełetronica i dati anagrafici otegnùi.  La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 D par ogni dì de ritardo, da versare sol conto del Ministero. 

entro 15 dì łavorativi e a trasmetare o consegnare i modułi cartacei originałi. La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 D par ogni dì de ritardo, da versare sol conto del Tribunałe.

entro 7 dì łavorativi dała ricesion de tuta ła documentasion necesaria a l’emision, consegnare o spedirghe ła Carta al richiedente. Farà fede el tinbro  postałe. La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 D par ogni dì de ritardo, che ga da esarghe scontà al çitadin.

Ogni 30 Carte de Identità emese, efetuare versamento de 300,00 D sol conto del Tribunałe. La penale pal ritardò nełe consegne xe de 2 D par ogni dì de ritardo, da versare sol conto del Tribunałe.

Superà i 60 dì de ritardo, ła concesion de emision ała dita vien anułà.

 

Codexe Civile

In baxe a le normative aprovàe da l’Asenblea durante le riunion:

(2013) 17 xenaro m.v., (1999) 26 set

In baxe a le normative aprovàe dal Governo co i Decreti:

(2011) 20 luj, (2009) 28 diç, (2002) 20 mar,

Xe in vigore el seguente:

Codexe Civile

26 setenbre 1999

Il popolo veneto istituisce la “Lista dei crimini” e la “Lista degli usi” contenenti le sanzioni e le regole da rispettare nella società veneta. Ogni legge o articolo di legge che sanzioni comportamenti in qualunque maniera o stabilisca diritti o doveri da rispettare deve essere enunciato in almeno una di tali liste.

I giudici decidono anche in virtù delle sentenze precedenti con riguardo del caso specifico loro sottoposto in maniera che ogni cittadino che si comporti da buon padre di famiglia trovi tutela giuridica e non debba preoccuparsi di tenere altri comportamenti diversi dagli usi, e ogni sentenza viene iscritta in una delle liste enunciandone i principi applicati dal giudice e la motivazione da lui fornita riguardo agli usi.

D. 20 marso 2002

Tuti prexenta denuncia de£e spexe e dei introiti, e conserva i documenti pa 5 ani.

D. 28 diç 2009

Articolo 7 – In attesa di una organica sistematizzazione delle Lista dei Crimini e della lista degli Usi, vengono rese esecutive nell’ordinamento veneto tutte le fattispecie di reato e tutte le fattispecie del codice civile della legislazione italiana vigenti al 23 maggio 1992, sempre che esse non siano in contrasto con le norme venete oppure con i principi comuni agli stati Europei e salvo giurisprudenza veneta.

D. 20 lujo 2011

a) La persona giuridica o ente privato di qualunque tipologia, anche se giurisdizione non veneta, che nel territorio di Autogoverno del Popolo Veneto agisca in sfregio alle leggi di autogoverno, risponde del danno causato senza termini di prescrizione.
b) Se non diversamente determinato, il danno causato si determina in base al lucro ottenuto o vantaggio economico anche indiretto addizionato di tutte le spese sostenute per la stima stessa del danno e per le operazioni di valutazione amministrativa, il tutto ricalcolato con l’inflazione effettiva Eurostat per la regione e con un interesse di mora del 10% annuo.
c) I costi della pratica burocratica, per il recupero effettivo delle somme spettanti, e per ogni altra incombenza a carico dell’amministrazione pubblica a seguito di intoppi e ritardi, vengono addebitati annualmente e diventano parte integrante del debito a partire dal secondo anno. Viene istituito un tariffario centralizzato dei costi secondo giurisprudenza.
d) Il dovere di riparazione del danno spetta al responsabile legale e solidalmente ai soci o ai correi, anche qualora si tratti di ente associativo od esponenziale, e si trasmette fino a copertura del danno a chiunque abbia ottenuto un vantaggio economico, può comportare il sequestro dei beni assunti o acquisiti per incauto acquisto. Il dovere di risarcimento del danno si trasmette agli eredi fino a completa copertura e secondo giurisprudenza.
e) le amministrazioni di altri stati, gli enti di altra giurisdizione, gli enti internazionali governativi e non governativi, le unioni e federazioni di stati o comunque associati, e qualunque altra forma giuridica dotata di personalità internazionale rispondono solidalmente del danno anche quando agiscono al di fuori del territorio di Autogoverno se con la loro azione o carenza di azione agevolano le persone e gli enti nel cagionamento di un danno o nel compimento di reati
f) nel territorio di autogoverno sono esenti dal risarcimento del danno le ambasciate e gli ambasciatori esclusivamente per quanto strettamente necessario all’esercizio delle proprie funzioni e quando effettuate nel mutuo riconoscimento istituzionale.

17 xenaro 2013 m.v. (2014)

No ghe xe prescrision par nesun proceso civiłe e penałe, fata ecesion par i dani economici soto el vałore de 1000 euro e i reati penałi co pena masima de 1 ano.

Codexe Penale

In baxe a le normative aprovàe da l’Asenblea durante le riunion:

(2013) 17 xenaro m.v.,  (1999) 26 set

In baxe a le normative aprovàe dal Governo co i Decreti:

(2011) 20 lug, (2009) 28 diç, (2002) 20 mar, (2000) 12 diç,

Xe in vigore el seguente:

Codexe Penale

26 setenbre 1999

Il popolo veneto istituisce la “Lista dei crimini” e la “Lista degli usi” contenenti le sanzioni e le regole da rispettare nella società veneta. Ogni legge o articolo di legge che sanzioni comportamenti in qualunque maniera o stabilisca diritti o doveri da rispettare deve essere enunciato in almeno una di tali liste.

I giudici decidono anche in virtù delle sentenze precedenti con riguardo del caso specifico loro sottoposto in maniera che ogni cittadino che si comporti da buon padre di famiglia trovi tutela giuridica e non debba preoccuparsi di tenere altri comportamenti diversi dagli usi, e ogni sentenza viene iscritta in una delle liste enunciandone i principi applicati dal giudice e la motivazione da lui fornita riguardo agli usi.

Il Popolo Veneto proclama che l’articolo 1 della “Lista dei crimini” è costituito dal seguente testo :

“Chiunque neghi un diritto civile o politico riconosciuto nel “Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici ” o nel “Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali” emanato dalla assemblea della Organizzazione delle Nazioni Unite viene condannato al risarcimento dei danni prodotti e alla reclusione da un minimo di 6 mesi.”

D. 12 diçenbre 2000

Ogni persona che sensa autorixasion exercita una cualsiasi funsion asegnà da£a lexe veneta a na autorità Veneta comete reato de uxurpasion de funsion, e ga da esare dichiarà in aresto so’l momento da chiuncue. I dichiarai in aresto pa uxurpasion vien condanai co un minimo de cuindexe ani de prexon co £a xonta de rixarcimento e detension secondo gravità e insistensa del reato.

L’uxurpasion de funsion mi£itari xe punìa co na volta e mexa £a pena prevista in altri casi. Sto reato vien xontà a£a lista dei crimini Veneti.

D. 20 marso 2002

L’ evaxion fisca£ xe reato punìo co’l rixarcimento del dano al fisco veneto e £a prexon de 1 jorno ogni 1000 Euro no pagai. Pa i caxi pì gravi ghe xe un aumento de£a pena in proporsion a£a soma no pagà secondo jurisprudensa.
£a jurisprudensa po£ convertire el carcere in multa adisiona£ co no ricore el perico£o socia£. El pagamento del debito al fisco po£ conportar el secuestro de i beni de l’evaxor. Ga da esare pagai i interesi anua£i secondo el dato Eurostat aumentà del 8% anca pa’l mancato e ritardà pagamento.

D. 28 diçenbre 2009

Articolo 7 – In attesa di una organica sistematizzazione delle Lista dei Crimini e della lista degli Usi, vengono rese esecutive nell’ordinamento veneto tutte le fattispecie di reato e tutte le fattispecie del codice civile della legislazione italiana vigenti al 23 maggio 1992, sempre che esse non siano in contrasto con le norme venete oppure con i principi comuni agli stati Europei e salvo giurisprudenza veneta.

D. 20 lujo 2011 – Sanzioni aggiuntive per l’evasione fiscale
a) Il mancato pagamento delle tasse alle amministrazioni di autogoverno comporta sull’ammontare dell’evaso addizionato dei costi di accertamento la sanzione del 15% ricalcolata annualmente comprensivo della sanzione precedente.
b) chiunque, al fine di procurare a sè o ad altri un vantaggio economico, sociale o politico, disconosce le Istituzioni di Autogoverno, viene condannato al risarcimento dei vantaggi economici ottenuti con la sanzione del 15% ricalcolata annualmente .
c) quando l’illecito guadagno superi i 100.000 euro vi è la condanna al carcere con pena proporzionale secondo giurisprudenza, e il condannato viene interdetto a vita dalla eleggibilità e dalle funzioni nell’amministrazione di Autogoverno.
d) Il dovere di restituzione dei vantaggi illegalmente ottenuti non si prescrive, si trasmette agli eredi, ai congiunti e a coloro che hanno beneficiato indirettamente.

 

17 xenaro 2013 m.v. (2014)

No ghe xe prescrision par nesun proceso civiłe e penałe, fata ecesion par i dani economici soto el vałore de 1000 euro e i reati penałi co pena masima de 1 ano.

Lexe n. 6, de Połitega Lenguistega

In baxe ałe normative aprovàe dal’Asenblea i giorni:

(2013) 19 diçenbre

In baxe ałe normative aprovàe dal Governo i giorni:

Xe in vigore ła seguente lexe:

Lexe de Połitega Lenguistega

 

19 diçenbre 2013 – Fondasion del’Istituto par la Lengua Veneta (ILV)

El Cao del Governo prexenta i scopi e ła storia del’Istituto, prexenta na bosa de statuto,  spiega el so funsionamento, i mecanixmi interni de risolusion dei problemi e dimanda l’aprovasion co la publicasion sol sito de l’Istituto.

Prexenti 7, favorevoli 7. L’Asenblea aprova.

Lexe n. 2, sołe Tełecomunicasion

In baxe a le normative aprovàe dal’Asenblea i giorni:

In baxe a le normative aprovàe dal Governo i giorni:

(2011) 20 luj, (2000) 4 jug

Xe in vigore ła seguente łexe:

Lexe sołe Tełecomunicasion

D. 4 jug 2000

Tute £e concesion pa £e telecomunicasion so’l teritorio decade uncuò e £e poe vegner richieste al Governo.

Pa £e te£evixion £a concesion xe sotoposta al fato che se dispone dei mexi par 2 ore al dì de informasion publica.

Tuti i posesori de antene ga 15 dì a dispoxision pa rego£arixarse.

El secuestro o l’abatimento de inpianti de telecomunicasion publica no autorixai xe de conpetensa de’l Tribuna£ del Popo£o veneto.

D. 20 lujo 2011

a) nel territorio delle Venetie e del Lombardo-Veneto vengono nazionalizzate e sottoposte a monopolio dell’Autogoverno tutte le frequenze radio
b) se non autorizzata da concessione governativa del governo del popolo veneto, e’ vietata la trasmissione di qualunque segnale radio in qualunque forma e potenza e qualunque forma di comunicazione radio, anche su onde a spirale o comunque condizionate, anche se non arrecano alcun disturbo.
c) La concessione governativa è rilasciata a tariffa stabilita dal governo o secondo giurisprudenza in base al valore economico determinata in base al tempo della richiesta, e alle esigenze di servizio pubblico.
d) Sono libere le frequenze usate per le trasmissioni Wi-Fi all’interno del fondo aziendale o casalingo
e) se non esplicitamente affermato nella concessione, è vietato l’uso di tecniche di crittografazione o di criptazione del contenuto nelle trasmissioni compresa l’uso di stenografia multicanale ed ottica.
f) l’uso illegittimo di frequenze radio determina un diritto di risarcimento pari all’illecito arricchimento aumentato del 15% annuo di interessi e si trasmette a chiunque ne abbia beneficiato fino a recupero del dovuto.

Lexe 26 setenbre 1999 – istitusion Tribunale e lista dei crimini, grazia e condono

Istitusion del Tribunale del Popolo Veneto

viene dichiarata la nascita del “Tribunale del Popolo Veneto” avente tutte le competenze e giurisdizione che la legge veneta gli riconosce. D’ora innanzi il “Tribunale del Popolo Veneto” potrà essere indicato semplicemente con il termine “Il Tribunale”.

Il Tribunale ha un presidente eletto direttamente dal popolo avente i requisiti di competenza ed imparzialità necessari al suo ruolo e stabiliti dalla legge veneta..

Il Presidente del Tribunale del Popolo Veneto coordina l’amministrazione della giustizia veneta, istituisce sezioni particolari che trattino cause di materie complesse, conferisce il titolo di giudice veneto, autorizza l’iscrizione dei procuratori abilitati nella giustizia veneta,. vigila sul buon trattamento delle cause, sanziona in via non esclusiva le violazioni di diritti umani commesse da giudici o da personale della giustizia, è obbligato a denunciare e porre sotto esame le violazioni di diritti umani di cui viene a comunque a conoscenza, interviene presso l’autogoverno del popolo esclusivamente per i problemi organizzativi della amministrazione della giustizia, agisce nella piena indipendenza dal potere politico e in nome del popolo.

Per necessità od urgenza od in speciali condizioni, può essere Presidente del Tribunale del Popolo Veneto ogni cittadino veneto regolarmente iscritto alla “Lista dei cittadini Veneti” avente almeno trenta anni di età superato un esame di verifica delle competenze giuridiche minime, ed assume la presidenza temporanea con il titolo di “Presidente supplente del Tribunale”

Il popolo veneto istituisce la “Lista dei crimini” e la “Lista degli usi” contenenti le sanzioni e le regole da rispettare nella società veneta. Ogni legge o articolo di legge che sanzioni comportamenti in qualunque maniera o stabilisca diritti o doveri da rispettare deve essere enunciato in almeno una di tali liste.

I giudici decidono anche in virtù delle sentenze precedenti con riguardo del caso specifico loro sottoposto in maniera che ogni cittadino che si comporti da buon padre di famiglia trovi tutela giuridica e non debba preoccuparsi di tenere altri comportamenti diversi dagli usi, e ogni sentenza viene iscritta in una delle liste enunciandone i principi applicati dal giudice e la motivazione da lui fornita riguardo agli usi.

Vien istituia la Lista Dei Crimini:
Art.1 – Chiunque neghi un diritto civile o politico riconosciuto nel “Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici ” o nel “Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali” emanato dalla assemblea della Organizzazione delle Nazioni Unite viene condannato al risarcimento dei danni prodotti e alla reclusione da un minimo di 6 mesi.

 

Poteri del Governo

Nel rispetto dell’interesse collettivo è riconosciuto al Governo del popolo Veneto il potere di grazia e condono.

Costitusion Provisoria del Popolo Veneto 31 lujo 1999 (Atto fondativo dell’Assemblea)

In baxe a le normative aprovàe da l’Asenblea i dì:

(2014) 10 lujo, (1999) 31 lujo

Xe in vigore la seguente

COSTITUSION DEL POPOLO VENETO

Atto fondativo Assemblea

Atto fondativo AssembleaNoaltri,

popoło veneto riconosùo da l’articoło 2 de ła lexe n.340 del 1971 de ła Republica Taliana (Statuto de ła Rejon Veneto),

costituìo dai iscriti a ea lista dei sitadini veneti,

secondo el articoło 2 de el “Pato Internasionałe rełativo ai diriti siviłi e połitici”,

secondo l’articoło 2 del “Pato Internasionałe rełativo ai diriti de l’economia, sociałi e culturałi”,

promosi da l’Asenblea de l’ONU e riconosùi da ła Republica Taliana co ła łexe n. 881 del 1977,

noaltri popoło veneto se riunimo in ciapo costituentepar scumisiar el nostro autogoverno.

L’autogoverno xe provixorio e funsiona co le regole consiliari ispiràe da ła tradision de ła Republica Veneta.

L’autogoverno provede a ła creasion de łe istitusion necesarie pa i fini de l’autogoverno del popoło veneto nei limiti de łe lexi e de i pati al so fondamento.

L’autogoverno crea łe regołe pa’l funsionamento transitorio de łe istitusion e łe rende publiche.

L’autogoverno crea łe regołe de inconpatibiłità de carica cuando necesario.

L’autogoverno se ispira e promove el decentramento de le istitusion inte i limiti del rispeto del popoło veneto e de i so principi.

Cuando l’asion de l’autogoverno no riese a conseguire i scopi coà scriti, xe riconosuo el dirito de autogoverno nel rispeto de i stesi principi.

El ciapo costituente nomina Franceschi Luciano e Segato Giuseppe CaoMistri de l’Autogoverno provixorio de el Popolo Veneto.

Provixoriamente łe nomine vegnarà rivedùe almanco ogni 12 mexi fin a l’asenblea costituente.

El popoło veneto ełexe i menbri pa na Asenblea che ga el potere de fare lexi co ła majoransa cualificada dei sie decimi (6/10).

L’Asenblea xe fata de un numaro de menbri in proporsion de ła popołasion co łe regołe che stabiłirà l’autogoverno.

El Cao de ła Asenblea xe cueło che rixulta pì vota ne łe elesion de ła Asenblea.

L’Asenblea de i menbri vota el Cao del (Auto)Governo fra i so menbri a majoransa dei sie decimi (6/10).

L’Asenblea deimenbri połe ełexare el Cao del (Auto)Governo fra i iscriti a ła lista dei veneti co majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri.

El Cao del (Auto)Governo nomina i Ministri del (Auto)Governo che vien confermài uno a uno da l’Asenblea co majoransa cuałificada de sie decimi (6/10) dei menbri.

L’Asenblea dei menbri poe far decadere el (Auto)Governo co la majoransa cuałificada de i do tersi (2/3) dei menbri prima de ła so scadensa.

Le richieste par łe convocasion de Asenblea xe pexentàe al Cao de l’Asenblea che ciama i menbri entro i termini de łe richieste.

L’Asenblea se riunise almanco ogni do (2) mexi.

L’Asenblea se riunise anca drio richiesta del Cao del (Auto)Governo.

L’Asenblea se riunise anca drio richiesta de almanco un decimo (1/10) dei menbri.

L’Asenblea deta łe so regołe interne.

Noialtri popoło veneto, se ghemo riunio in sta costituente, e afermando danovo i nostri diriti de lexe e połitici, sicuri de i nostri diriti e de ła nostra łibertà da sołi concuistada,

riconosemo sta carta come “Costitusion provisoria del Popoło Veneto” e ła “Dichiarasion dei Diriti de l’Omo” come nostri principi de baxe, e se inpegnemo par primi a far rispetare sti diriti che ogni veneto và torse.

Ghe domandemoa ogni parlante de łengua veneta de acetar sta Costitusion e a rispetarla, garantendoghe a ogni sitadin el dirito a rinunciare a ła citadinansa veneta nel rispeto dei princi de autodeterminasion,

riservemo ła modifica de ła prexente Costitusion a na Asenblea votà a sto scopo e eleta in proporsion fra i sitadini.

Nesuno połe esre privà de ła citadinansa veneta se no el ghe ne ga n’altra.

Dito, fato e sotoscrito dai Sitadini a Borborico el dì 31 de lujo del 1999.

Luciano Franceschi

Giuseppe Segato

Palmerini Loris

L’Asemblea delibera
– vista la costituzione del Lombardo-Veneto come accorpamento alla Venetia dei Ducati di Milano e Mantova
– visto il diritto all’integrita’  territoriale degli stati
– visto il diritto all’autogoverno dei popoli
– vista l’invasione militare piemontese della regione Lombardia nel 1859 priva di espressione libera del popolo
– vista l’annessione del Regno d’Italia (autoproclamazione del Regno del Piemonte) del territorio veneto (Venetia) nel 1866 priva di espressione libera del popolo
– vista la costituzione delle Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto nel 1999
– vista la dichiarazione di sovranita’  delle Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto sul Lombardo-Veneto del 2006
– vista la sentenza italiana del Tribunale di Venezia del 2008 sul difetto assoluto di giurisdizione
– vista la cancellazione italiana del 2010 della illegale annessione del Lombardo Veneto del 1866
– vista l’emergenza finanziaria internazionale e il rischio di default di molti stati
– vista la necessita’ di garantire lo stato di diritto e di salvaguardare i beni dei nostri cittadini

Accertato che fino all’entrata in funzione del Senato Federale del Lombardo-Veneto l’Assemblea del Popolo Veneto agisce come unico legittimo parlamento del Lombardo Veneto rappresentante i popoli Veneto, Insubre e Mantovano.

10 lujo 2014
– e’ nulla ogni prescrizione su reati, ammende e danni erariali
– tutti i beni (compresi mobili,immbili,demaniali e naturali) del gia’ Regno Lombardo-Veneto sono proprieta’ della Federazione del Lombardo-Veneto nel rispetto della composizione patrimoniale di ciascun popolo, e’ nulla ogni avvenuta cessione di essi in quanto frutto di furto ai danni di uno stato sovrano
– e’ ordinata la restituzione di ogni proprieta’ del Regno
– tutte le proprieta’, titoli, crediti e utilita’ finanziarie dello Stato Italiano e dei suoi enti nel territorio Lombardo-Veneto sono proprieta’ della Federazione Lombardo-Veneta o comunque sono confiscati e/o pignorati
– sono nulle tutte le cessioni di patrimonio e titoli pubblici e Lombardo-Veneto sia passate che future
– sono vslide solo le concessioni sottoscritte dal governo federale o dal competente governo nazionale veneto,insubre o mantovano
– il Governo Federale è delegato alla gestione del patrimonio Lombardo-Veneto eventualmente anche con azioni di risarcimento, restituzione e/o comunicazione pubblica
– e’ dato mandato al governo federale di notificare questa legge ai comuni del lombardo-veneto e agli ufficiali rappresentanti dello stato italiano qualora possibile

– So l’istitusion de Funsionari de riferimento par i çitadini preso i comuni del teritorio, l’Asenblea ribadise el dirito de suplensa istitusionałe da parte del singoło çitadin xà stabiłìo dai ati fondativi al fine de, previa comunicasion al Governo Federałe, ajire come Comisario Suplente Comunałe. L’elenco dei Comisari Suplenti xe mantegùo piovego sol sito federałe.

24 lujo 1999 – Autodeterminasion del Popolo Veneto

Autodeterminassion del popeo veneto

Noaltri,

Franceschi Luciano nato a Borborico (Padoa) el 26 majo 1959,

Segato Giuseppe nato a Borborico (Padoa) el 17 jugno 1954

in considerassion che semo nati nel teritorio dove ea Republica de Venessia ciamada “Serenissima” ga governà,

considerando che inte sto? teritorio ga origine i nostri genitori,

despo? che a lengua che parlemo xe riconossua dai studiosi e da noaltri stessi come lengua veneta de ciapo centrae,

considerando che ea lese costitussionae dea Republica Taliana ciamada statuto dea Region veneto riconosse l?esistensa del popoeo veneto,

noaltri se riconossemo come popoeo veneto, e inte?l rispeto de ialtri popoi se proclamemo “nassion veneta” co el intedimento de veder riconossui i nostri diriti umani, culturai, economici e poitici.

Affermemo che sto ciapo xe costituente del popoeo veneto nel senso dea lese taliana e par e implicassion de i Patti internassionai sui diriti civii poitici e sociai riconossui daea lese taliana n.881 del 1977.

Dito, fato sotoscrito a Borborico el 24 lujo 1999.